Il Tottenham in crisi irreversibile, perde ancora è dice addio alla Premier

Pubblicato il autore: Fabio Faiola Segui

Tempo di lettura: 2 minuti

Niente da fare per gli uomini dello Special One, che hanno perso in casa il delicato incontro con il Chelsea del neo allenatore Tuchel. Il centrocampista Jorginho ha deciso la gara su rigore. In molti si aspettavano il riscatto degli HotSpur ed invece è stato il tecnico tedesco a portarsi a casa i 3 punti (importantissimi) per la zona Champions nel derby londinese. Questa sconfitta compromette seriamente il cammino del Tottenham verso un posto in Europa, e sancisce la fine, salvo rimonte epiche, di lottare per la Premier League, dove il primo posto del Manchester City dista ormai 14 lunghezze.

Nessuno degli addetti ai lavori si aspettava un crollo cosi repentino degli uomini del Mou, visto che fino al mese di dicembre erano in piena lotta per il titolo. Ora, complici anche le assenze importanti di Kane ed Alli, la squadra sembra essere sprofondata nella classica depressione che da un pò di anni alberga nel tecnico portoghese, il quale, da quando ha lasciato l’Inter, ne ha indovinate veramente poche con le sue squadre brutte da vedere e perdenti (in passato pur giocando male, vinceva).

Leggi anche:  Nuovo positivo a Trigoria, è già massima allerta a Roma

Se escludiamo la vittoria dell’Europa League con il Manchester Utd, e qualche titolo vinto con Real Madrid ed il Chelsea, in questi ultimi 11 anni Mourinho ha subito un’involuzione tecnica e tattica inspiegabile, e vista la sua esperienza ed il suo curriculum pieno di titoli, questo andamento negativo è incomprensibile. Nella partita di ieri le statistiche parlano da sole con il 58% di possesso palla a favore dei Blues, contro il 42% dei padroni di casa. Ai 18 tiri effettuati dagli ospiti, appena 7 sono stati quelli degli HotSpur, con 630 passaggi totali del Chelsea e 457 del Tottenham; anche nei calci d’angolo vince  la squadra di Timo Werner per 7-2.

Jorginho Match-Winner
La rete del successo è stata messa a segno da Jorginho al 24′ del primo tempo su calcio di rigore, assegnato dall’arbitro Marriner per atterramento in area di Werner, causato dallo sgambetto del difensore Dier. Certamente è un momento no, ma vedere il grande Mister di Setubal in questa situazione fa un certo effetto.

Leggi anche:  Pallone d'Oro a Messi, i complimenti di Pelè e le critiche di Casillas

Ultima vittoria in campionato
L’ultima vittoria in Premier è datata 17 gennaio (mentre in FA Cup risale al 25-01 per 4-1 contro il Wycombe fuori casa) quando i giocatori del portoghese superarono lo Sheffield Utd per 3-1, e dopo di ciò ci sono state 3 sconfitte consecutive contro Liverpool, Brighton e Chelsea, che hanno messo fine ai sogni di gloria della formazione di Londra. In definitiva Bale o non Bale, difesa o non difesa, attacco con o senza Kane (compresi tutti gli infortunati da recuperare), sarà bene rimettersi in corsa per tutti gli obiettivi rimanenti, perchè è un colpo al cuore, almeno per me, vedere uno degli allenatori più vincenti di sempre navigare in queste acque.

  •   
  •  
  •  
  •