Inter, Conte: “Abbiamo fatto tutto noi, meritavamo di più”

Pubblicato il autore: Mattia Dalmazio Segui

Il tecnico dell’Inter Antonio Conte ai microfoni di Rai Sport ha parlato al termine della sconfitta nella semifinale di andata di Coppa Italia contro la Juventus.

“Abbiamo fatto tutto noi, nel primo tempo abbiamo fatto due regali e la Juve non ci ha messo del suo per segnare. Abbiamo commesso due grosse ingenuità che hanno permesso loro di andare sul 2-1. Per il resto c’è stata l’ennesima ottima prestazione, con tante occasioni create. Bisogna però concretizzare perché poi parliamo di un risultato negativo. I ragazzi hanno dato tutto, hanno messo alle corde della Juve; meritavamo molto, ma molto di più del risultato finale. Bisognerà vincere con due gol di scarto. Non sarà una passeggiata perché c’è davanti una squadra forte. Pensiamo alla gara di Firenze poi penseremo alla sfida di martedì. Lukaku è sereno, tranquillo. Si è sempre comportato nella giusta maniera, non si permetterebbe mai di offendere nessuno. Parliamo di un ragazzo perbene, poi per quello che sta accadendo intorno secondo me bisogna essere più sereni e andare oltre. Poi capisco che fa notizia e le notizie creano chiacchiera, ma poi a un certo punto bisogna dire basta. Sicuramente Lukaku e Hakimi sono importanti per noi, però ribadisco il concetto espresso prima: la squadra ha fornito una buonissima prestazione. Ci sono stati due infortuni grossi da parte nostra che potevano essere evitati. Poi il non essere stati in grado di concretizzare occasioni clamorose spiega il risultato. Non bisogna attaccarsi agli assenti, chi ha giocato ha fatto il suo dovere in maniera piena. Ora dobbiamo preparare la partita tosta con la Fiorentina. C’è una situazione societaria particolare, inutile nasconderlo. Avevamo un progetto ad agosto che si è fermato. Non l’ho rivisto il rigore su Cuadrado l’importante è che lo abbia visto chi doveva. Mi auguro vengano sempre prese le decisioni giuste, a favore o a sfavore” 

  •   
  •  
  •  
  •  
Leggi anche:  Doppio duello per Milan e Inter: mercato già rovente