Lazio, Inzaghi contro l’Inter: “La Champions sarebbe il nostro scudetto, una prova di aggressività”

Pubblicato il autore: Veronica Pecorilli Segui


Lazio – Inzaghi contro l’Inter, il mirino del tecnico colpisce l’obiettivo. I biancocelesti reduci da 6 vittorie consecutive sono in attesa del grande match contro i nerazzurri. Simone Inzaghi dichiara: “Stiamo parlando di una grandissima squadra, la favorita insieme alla Juventus per vincere il titolo. Troveremo un’Inter ancora più arrabbiata, noi cercheremo di farci trovare pronti. E’ una partita importantissima per noi. Sappiamo in che momento siamo. La Champions sarebbe il nostro scudetto“.

Inzaghi contro l’Inter: “Una prova di aggressività e determinazione”

Il tecnico biancoceleste, ex-calciatore laziale, dichiara in conferenza stampa: “Dovremo fare una prova di corsa, aggressività e determinazione. Il nostro grande obiettivo è quello di rimanere in Champions. Ci sono grandi squadre che lotteranno fino alla fine. Dovremo fare una partita di personalità, cercando di essere consapevoli ma anche umili. Come  è sempre successo ci giocheremo la sfida a viso aperto, cercando di fare del nostro meglio“.

Leggi anche:  Real Madrid-Inter, streaming e diretta tv in chiaro Mediaset? Dove vedere il match

Ultime dichiarazioni, Radu in forse?

Inzaghi prosegue e dichiara: “Bisognerà prestare attenzione a ogni singola scelta. Loro hanno una rosa fortissima, io sto cercando di recuperare. Domani non ci saranno Strakosha e Ramos. Abbiamo avuto un contrattempo con Radu, bisognerà vedere come andrà la rifinitura di oggi anche se non c’è grande ottimismo“.  Una Lazio prelockdown?:Una volta che riesco a recuperare i giocatori, venderemo cara la pelle. Siamo un’ottima squadra, che sa ciò che deve fare in campo. Sono rientrati la maggior parte. Adesso vediamo domani come saranno le condizioni di Radu. Andiamo per fare una grandissima gara a livello di corsa e volontà, tutte componenti che si sono viste in questa striscia“.

Quali sono le condizioni di Luis Alberto?

Dopo un’operazione simile bisognerebbe avere 3-4 settimane di stop, lui è tornato a tempo di record. Ha fatto benissimo a Bergamo, meno bene col Cagliari. Gli posso dire solo grazie, ha dato grande disponibilità a tutti. L’ho visto tranquillo, sereno, sorridente. Lui e i suoi compagni faranno una grande gara“.

  •   
  •  
  •  
  •