Pagelle Inter – Juventus 1-2: Ronaldo protagonista, Barella bene. Young e Handanovic che errori

Pubblicato il autore: Giovanni Esposito Segui

Pagelle Inter – Juventus: bianconeri che si portano a casa il primo scontro di questa semifinale di Coppa Italia, Conte si giocherà tutto a Torino.

Vince la Juventus questo primo scontro di Coppa Italia con Pirlo che si prende una piccola rivincita contro Antonio Conte e porta a casa il risultato per 2 a 1. Si accende subito la semifinale, Lautaro pescato da Barella calcia a botta sicura, Buffon insicuro e vantaggio nerazzurro con la sfida che sembra essere, di nuovo, indirizzata verso la squadra allenata da Conte. Pirlo non si scompone, la Juventus nemmeno. Aggressività e ripartenze la chiave della vittoria dei bianconeri col pareggio che arriva qualche minuto dopo: Bernadeschi in mezzo, Young stende Cuadrado ed è calcio di rigore per la Juventus con Ronaldo che freddo spiazza Handanovic. Poco dopo ancora Ronaldo sfrutta un errore clamoroso di Bastoni e Handanovic e deposita in rete il gol vittoria finale con l’Inter che prova a pareggiare nel secondo tempo ma non riesce a bucare la porta difesa da Buffon.

Pagelle Inter: Barella il migliore, che errori Young e Handanovic

Handanovic 4,5: Nelle poche occasioni si fa trovare impreparato. Causa il secondo gol della Juventus e spesso è insicuro, da lui ci si aspetta di meglio.
Bastoni 5: Colpevole anche lui sul gol di Ronaldo e questa leggerezza costa caro. Partita non brillante rispetto alla prestazione super fatta in campionato. ( Dal 85′ Pinamonti s.v.)
Skriniar 6: Partita ordinata, fa il suo e non concede molto. Aiuta anche in fase offensiva quando l’Inter prova il forcing finale, nulla può sui gol presi.
De Vrij 6: Anche lui incolpevole, stesso voto del compagno di reparto.
Darmian 5,5: Non è Hakimi e si è visto. Si è abbassato troppo e non ha inciso in fase offensiva: ha anche la chance del pareggio e si fa ipnotizzare da Buffon, partita non sufficiente.
Vidal 5,5: Non sufficiente. Tutto sommato fa una prestazione ordinata, non incide ma prende un giallo che costa la squalifica e, vedendo il risultato, non è una cosa positiva per Conte. ( Dal 73′ Eriksen 5,5: Conte si gioca tutto mandandolo in campo, sbaglia qualcosa, ha un’occasione per il pareggio ma la passa a Buffon. Poteva far meglio)
Brozovic 5: Non ha colpe perchè Pirlo capisce che è l’uomo da ostacolare, assente nel primo tempo e un secondo tempo ordinato insomma troppo poco per uno come lui. ( Dal 85′ Sensi s.v.)
Barella 6,5: Il migliore dei suoi per grinta. E’ lui che ci crede fino alla fine, si accende con un assist a Lautaro e non si risparmia mai.
Young 4: Ha esperienza per giocare queste partite però l’ha lasciata a Manchester. Causa un rigore inutile su un cross di Bernadeschi stendendo Cuadrado. Male entrambi le fasi, tutti lo sovrastano. Partita da dimenticare. ( Dal 66′ Perisic 5: Classica partita del croato. Entra, fa meglio del suo compagno ( non che ci volesse tanto) e non attacca mai gli spazi lasciati dai bianconeri.)
Lautaro M. 6: Mezzo voto in più solo per il gol, fa qualche giocata ma troppo poco e sente molto l’assenza di Lukaku.
Sanchez 4,5: Non è Lukaku e aveva contro De Ligt, ma mette in campo la sua peggior prestazione. Mai pericoloso, mai sul pezzo, si fa ammonire e dunque squalifica. Non in serata.
Conte 5: L’allievo che supera il maestro. Questo emerge da stasera: il tecnico bianconero sa come arginarlo e, dopo un primo tempo in difficoltà, cambia ma troppo tardi. Certo non ha tutte le colpe, ma poteva cambiare qualcosa per risolverla.

Leggi anche:  Copa Argentina: il Talleres de Córdoba raggiunge in finale il Boca Juniors

Pagelle Juve: Ronaldo top, bianconeri sufficienti.

Buffon 6: Fa un errore non da lui sul gol ma salva la Juventus in più occasioni, tutto sommato merita la sufficienza alla resa dei conti.
Cuadrado 6,5: Procura il rigore, punta e mette sempre in difficoltà Young prima e Perisic poi facendo bene sia in fase offensiva che difensiva, prestazione buona per il Colombiano
Demiral 6: Anche lui, come Buffon, non entra subito in partita poi si riprende e tiene a bada Sanchez. Anche per lui, tutto sommato, prestazione sufficiente.
De Ligt 6: Fa un errore di valutazione sul gol e poi gestisce bene il ritorno dell’Inter andando sempre in anticipo e chiudendo tutti gli spazi, prestazione sufficiente.
Alex Sandro 5: Il peggiore dei suoi. Sbaglia tutto, spesso causa le ripartenze dell’Inter e su quella fascia soffre troppo Barella, deve ringraziare di non aver avuto Hakimi.
Rabiot 5,5: Nel primo tempo usa bene il fisico e si impone, nel secondo cala troppo e non da supporto alla difesa bianconera, non pienamente sufficiente.
Bentancur 5,5: Primo tempo quasi da 7. Recupera palloni, pressing alto e buone giocate ma cala troppo nel secondo tempo: regala la palla del 2 a 2 a Sanchez e va in panico dopo quell’errore. ( Dal 76′ Arthur s.v)
Mckennie 6,5: Da una grossa mano in difesa per arginare Barella, pressing solito dell’americano e buone giocate. Cala nel secondo tempo ma offre comunque una buona prestazione. ( Dal 90′ Chiellini s.v)
Bernardeschi 6,5: Anche lui prezioso nel mettere in difficoltà la difesa nerazzurra col pressing, spinge bene in fase offensiva e si fa trovare sempre pronto. Prova positiva dell’esterno che sembra aver trovato un po’ di condizione. ( Dal 69′ Danilo 6: Entra per dare una mano alla retroguardia, ci riesce chiudendo tutti gli spazi e prova anche qualche ripartenza.)
Ronaldo 7,5: Porta a casa una doppietta ma è un leader in campo. Da la giusta carica dopo lo svantaggio, pareggia i conti e mette sempre pressione alla retroguardia Inter procurando l’errore per il 2 a 1 finale. Nelle partite che contano lui risponde presente. ( Dal 77′ Morata s.v.)
Kulusveski 6: Si fa vedere bene in fase offensiva ma il suo compito è togliere le linee di passaggio a Brozovic, ci riesce e porta a casa una prestazione tutto sommato sufficiente. ( Dal 90′ Chiesa s.v.)
Pirlo 7: Prepara bene la partita, non commette gli errori dell’andata e azzecca i cambi per mantenere il risultato schierando gli uomini giusti al momento giusto. Batte Conte, fa 1 a 1 rilanciando la sfida al ritorno.

  •   
  •  
  •  
  •