Josip Ilicic, predestinato o certezza?

Pubblicato il autore: Montrosset Marc Segui


Bene a Palermo, così così con la Fiorentina, Josip Ilicic con la casacca dell’Atalanta che veste ormai dal 2017 sembra essere riuscito a trovare il giusto ambiente per esprimersi al meglio e poter fare il definitivo salto di qualità. Seconda punta/trequartista, dotato di un sinistro magnifico, lo sloveno classe 1988 con Gasperini alla guida ha infatti raggiunto la consacrazione definitiva a Bergamo. Ad oggi il numero 72 può essere considerato un vero e proprio top-player?

L’attaccante atalantino non è mai stato un vero e proprio goleador, e i numeri lo dimostrano. Sono solo 98 i gol infatti su un totale di 309 partite. Ilicic nonostante questo a Bergamo, assieme ai suoi compagni ed assieme al Gasp, sta scrivendo la storia. Nelle ultime 3 stagioni l’Atalanta è sempre riuscita ad arrivare tra le primi 6 in classifica, ottenendo quindi sempre un piazzamento europeo. Attualmente la squadra nerazzurra occupa il 4° posto, e farà di tutto per poter centrare l’ Europa anche in questa stagione. Da quando Ilicic veste la maglia nerazzurra infatti, l’Atalanta degli ultimi anni si candida ad essere la migliore della storia, e parte del merito è anche suo.

Leggi anche:  Superlega, Napoli contattato da JP Morgan: De Laurentiis ci pensa

Ilicic, e gli esordi in Champions League.

La prima storica apparizione dell’Atalanta in Champions League è un qualcosa di magnifico. Dopo aver passato i gironi con una vittoria all’ultima giornata contro lo Shaktar Donetsk in terra ucraina, gli uomini di Gasperini affrontato il Valencia agli ottavi di finale. Il trascinatore assoluto del doppio confronto è proprio lui: Josip Ilicic. Nell’andata lo sloveno segna il 2-0 di destro. e l’Atalanta vince per 4-1. Al ritorno i bergamaschi riescono nuovamente ad imporsi, questa volta per 4-3 in terra catalana e o sloveno si ripete segnandone a ddirittura 4. Ai quarti poi, i bergamaschi  escono dalla competizione contro il PSG. Nonostante la doccia gelata, la squadra di Gasperini esce a testa altissima, e con la consapevolezza che con una squadra del genere e con un Ilicic così in forma, i nerazzurri potranno continuare ad avere voce in capitolo, sia in Italia, che in Europa.

  •   
  •  
  •  
  •