Juventus, disastro Champions e crollo in borsa: i bianconeri piangono

Pubblicato il autore: Anna Rosaria Iovino Segui


Momento difficile in casa Juve, la vittoria contro il Porto era importante per molteplici motivi, soprattutto economici. Il successo con il passaggio ai quarti di finale avrebbe rigonfiato le casse bianconere di 10,5 milioni di euro. Questa la cifra che avrebbe ricevuto dalla Uefa. Il ko contro i lusitani ha provocato anche un altro danno: il crollo in borsa.

Juventus, crollo in borsa

Dopo la sconfitta contro la formazione di Conceicao, la giornata è stata doppiamente amara per i bianconeri,  in quanto si è assistito ad un calo dell’8% in borsa, a 0,79 euro. La Juventus stava vivendo già un momento economico particolare, la crisi generata dalla pandemia da Covid-19 ha portato diversi problemi. Infatti, i primo semestre dell’esercizio 2020-2021 si è chiuso con una perdita di 113 milioni di euro. Cifra più che raddoppiata rispetto alla perdita del semestre precedente: 50,3 milioni. Tutte le problematiche hanno determinato anche una netta riduzione del patrimonio della società: passando da 239 a 125 milioni. Nonostante i dati in negativo, dalla società di Andrea Agnelli fanno sapere che non ci sono dubbi sulla continuità della società, che riuscirà a lavorare e liquidare gli stipendi. Questo perché la liquidità disponibile è 278,1 milioni. Al momento tutto procederà regolarmente e, nel caso dovessero sorgere ulteriori difficoltà, l’azione societaria sarà quella di agire attraverso operazioni di cessione di diritti alle prestazioni sportive di calciatori.

  •   
  •  
  •  
  •  
Leggi anche:  Telecronisti Serie A, 14.a giornata: il palinsesto di Sky e DAZN
Tags: