Boca Juniors-River Plate e la “zolla de Dios”: qualcuno dall’alto ha salvato gli Xeneizes (VIDEO)

Pubblicato il autore: Davide Roberti Segui

maradona salva il boca juniors
MARADONA SALVA IL BOCA JUNIOS: IL SUPERCLASICO FINISCE 1-1 GRAZIE AD UNA ZOLLA – Ieri sera, alla Bombonera di Buenos Aires, si è disputato il Superclasico d’Argentina, ovvero il derby tra Boca Juniors e River Plate. Il match si è concluso sull’1-1, grazie alle reti di Villa per il Boca su calcio di rigore nel primo tempo e di Palavecino per las Gallinas nel secondo tempo. La sfida, valida per la Copa de la Liga Profesional, era ovviamente molto sentita, seppure non valesse per il campionato. Il torneo non è infatti la Serie A argentina, bensì una competizione con una formula molto particolare dove le squadre della Primera Division vengono suddivise in due gironi e si sfidano con partite “incrociate” tra i due gironi.
Al di là del risultato, però, è successo qualcosa di alquanto incredibile. Nel finale, infatti, il River stava per segnare il gol dell’1-2, ma qualcosa è andato storto: ecco cosa è successo.

Maradona salva il Boca Juniors: “Quella zolla ha la maglia numero dieci”

Minuto 90: il River scappa in contropiede, il neo entrato Girotti scappa sulla fascia e offre in mezzo il pallone dove Izquierdoz, centrale degli Xeneizes, colpisce il pallone verso la propria porta con una deviazione fortuita: sfera lentamente diretta verso la rete, Andrada è battuto perché è stato preso in controtempo e non può più intervenire. Improvvisamente, però, il pallone rimbalza su una zolla proprio sulla linea di porta e, con uno strano rimbalzo, scappa via dalla porta dei padroni di casa. Andrada riesce a quel punto a metterci una pezza, con l’aiuto del palo. Ma forse non è stato solo il palo ad aiutare la squadra di casa: in Argentina, i tifosi hanno subito invocato il Diez Diego Armando Maradona.

Il popolo argentino, da sempre molto legato al folklore, ha infatti fin da subito cominciato a pensare ad un aiuto dall’alto, da parte del grande e mai dimenticato Numero 10 Maradona. E, ne siamo certi, anche a Napoli qualcuno avrà pensato lo stesso. In tribuna, Riquelme è attonito, il popolo di fede gialloblu sobbalza: poi passa la paura, e un bacio al santino di Maradona non è mai di troppo.

  •   
  •  
  •  
  •  
Leggi anche:  Serie A, le più veloci sostituzioni degli ultimi 10 anni: primato Samir con soli 3 minuti giocati, Valoti il più veloce dentro-fuori per scelta tattica