Parla Mancini: “Il gruppo per Euro 2020 è già formato!”

Pubblicato il autore: Andrea Rao Segui

parla Mancini

Parla Roberto Mancini. La conferenza è la prima di una lunga serie viste le partite che vedranno impegnata la Nazionale italiana. Il tecnico parla di Pirlo, di Zaniolo, del gruppo e dei prossimi Europei. La testa è rivolta alle sfide che vedranno l’Italia impegnata contro Irlanda, Lituania e Bulgaria per le qualificazioni a Qatar 2022.
Il mister è ben concentrato sui prossimi impegni e suona la carica

Parla Mancini. Su Pirlo: “La frustrazione deve durare il meno possibile”

Queste le affermazioni di mister Mancini su Andrea Pirlo, reduce dalla brutta sconfitta di ieri contro il Benevento: ” Questa è la vita da allenatore purtroppo. Si attraversano momenti di gioia, di felicità. Alle volte non si riesce a trsmettere. La frustrazione deve durare il meno possibile, bisogna pensare positivo sapendo che nel calcio succede anche questo. Se tutte le cose fatte venissero bene… Non è così, ci sono momenti delicati e possono anche passare“. Parole che quindi mostrano grande solidarietà nei confronti di Pirlo.

Leggi anche:  Serie A, il calendario 2022-23 è già un rompicapo

Su Toloi: “Avevo bisogno di conoscerlo come calciatore”

Il mister azzurro esprime il suo punto di vista su Toloi: “Gioca in una squadra con la difesa alta, gioca sull’anticipo e sulla marcatura preventiva. Io l’ho chiamato perchè avevo bisogno di conoscerlo come calciatore e come ragazzo. Se lui si dovesse adattare bene può entrare a far parte del nostro gruppo, può giocare in tutti i ruoli della difesa.”

Su Zaniolo: “Valuteremo quando rientrerà in squadra”

Il Mancio esprime anche in quest’occasione la sua prudenza su un’eventuale convocazione di Zaniolo: “Lo stiamo seguendo valuteremo quando rientrerà in squadra Un pensiero ce lo facciamo, ma allo stesso tempo non possiamo rischiare di chiamarlo se non sarà pronto. E’ un ragazzo giovane che poitrà giocare competizioni importanti. Dovremo essere sicuri.”

Mancini parla delle prossime partite

Roberto Mancini parla delle partite dell’Italia in ottica qualificazione a Qatar 2022: “La prima sarà un poì più difficile perchè è la prima dopo cinque mesi, è una squadra molto forte fisicamente, giocano tutti in Premier League. Sarà la più difficile, però dobbiamo pensare che nel tragitto non possiamo sbagliare, mai, dovremo fare il massimo in queste tre partite e farlo bene“. In queste parole tutta la carica di Roberto Mancini.

Leggi anche:  Turris-Avellino, streaming e diretta tv in chiaro? Dove vedere il derby

Emergenza a centrocampo

L’Italia non ha tutti i centrocampisti all’appello. Ecco perchè: “Siamo un po’ in difficoltà nel centrale, ci manca Jorginho e non era in grado di giocare. Tornerà a casa probabilmente Bryan Cristante. Vedremo con i ragazzi dell’Inter”.

Parla Mancini. Sulle convocazioni.

Ecco le dichiarazioni forse più importanti del tecnico azzurro: “Il gruppo è già formato, siamo molto vicini ai 23 nomi per Euro2020. Una o due pedine potranno cambiare, il campionato potrebbe offrire ancora sorprese“.

L’allenatore azzurro “coccola” Chiesa

L’allenatore dedica parole di fiducia a Federico Chiesa: Sono felice per lui, negli ultimi due mesi è migliorato tantissimo. Può migliorare ancora e diventare un giocatore in grado di fare tanti gol e tanti assist”.

  •   
  •  
  •  
  •