Roberto Baggio sbarca su Netflix: annunciato “Divin Codino”

Pubblicato il autore: Andrea Rao Segui

Roberto Baggio

Roberto Baggio sbarca su Netflix. L’indimenticato cannoniere sarà presto protagonista di un film, che verrà distribuito online. La società americana, qualche settimana fa, ha annunciato di aver ultimato le riprese di “Divin Codino”,  pellicola interamente dedicata al calciatore. Non occorre ricordare che l’ex attaccante, in 22 anni di carriera, ha fatto appassionare decine di tifosi con le sue prodezze. Perno della Nazionale di calcio, ha anche indossato le casacche di Milan, Inter, Juventus e Brescia, dove ha chiuso la sua carriera nel 2004.

Roberto Baggio: eroe indimenticato del calcio italiano

Roberto Baggio, nella sua carriera ventennale, ha giocato in varie società. Il suo periodo più prolifico è quello che va dal 1990 al 1996, anno della sua prima stagione al Milan. Proprio in questi anni ha vinto due campionati ( uno nel 1994-1995 con la Juve e l’altro l’anno successivo con il Milan), una Coppa Italia con la Juventus nel 1994-1995 e una Coppa Uefa nella stagione 1992/1993 sempre con la formazione bianconera. In Nazionale si è classificato terzo nei Mondiali di Italia ’90 e secondo nei Mondiali del 1994, dove ha fallito il rigore nella famosa finale di Pasadena persa contro il Brasile. L’anno che forse rappresenta il picco della sua carriera è il 1993, anno in cui France Football lo ha insignito del Pallone d’Oro.

Leggi anche:  Diretta tv in chiaro TV 8? Dove vedere amichevole Juventus-Cesena in streaming OGGI LIVE

Divin Codino: data di uscita

“Divin Codino” racconta la carriera dell’ex stella del calcio, ed è anche incentrata sui dissapori che hanno caratterizzato il suo rapporto con gli allenatori. Netflix ha annunciato che sarà visibile sulla piattaforma a partire dal 26 maggio 2021. Il film è stato diretto da Letizia Lamartire. I nomi completi del cast non sono ancora stati annunciati. Il ruolo dell’ex punta bianconera è interpretato da Andrea Arcangeli (nella foto), giovane attore pescarese. Il lungometraggio rappresenta il secondo esperimento del genere da parte della società americana, già produttrice di una cronostoria dedicata a Pelè.

 

 

  •   
  •  
  •  
  •