Cagliari-Parma: le parole degli allenatori dopo il fischio finale

Pubblicato il autore: Andrea Rao Segui

Cagliari-Parma

Cagliari-Parma, scontro salvezza, ha regalato emozioni incredibili. Al Sant’Elia le due squadre si sono date battaglia. Nonostante una buona prima mezz’ora degli uomini di D’Aversa, il Cagliari ha tirato fuori la grinta ed ha recuperato nei minuti finali, trovando una vittoria insperata e fondamentale in ottica salvezza. Dopo il triplice fischio finale la classifica dice: Cagliari terzultimo con 25 punti e Parma penultimo a 20. I sardi possono ancora sperare nella salvezza, mentre per i ducali la strada è adesso in salita.

Cagliari-Parma interviste: parla Semplici

Dopo la fine della partita mister Semplici è raggiante. La sua squadra ha pienamente dimostrato di essere ancora viva. Vista la prestazione di oggi, gli isolani fanno un passo avanti verso la salvezza. Raggiunto dai microfoni di DAZN, l’allenatore del Cagliari ha così commentato la vittoria dei suoi: “E’ prematuro festeggiare con i fuochi d’artificio. E’ solo una vittoria, che dovevamo fare. Ci abbiamo creduto fino alla fine, affrontavamo una squadra che come noi ha rischiato il tutto per tutto. Meriti ai ragazzi, credo sia una vittoria meritata per le tante occasioni che abbiamo creato, sono contento per loro. Se lo meritano”.

Mister Semplici: “Ho trovato grande forza e moralità”

Alla domanda del giornalista: “Questi tre punti quanto valgono?”, il tecnico risponde: “Mi auguro valgano tanto. Non conoscevo benissimo il gruppo ma ho trovato grande disponibilità. Avevamo dei problemi e tutt’ora restano, basta vedere oggi, ma ho trovato grande forza e moralità. Sia chi ha giocato dall’inizio sia chi è entrato. Ma questo deve diventare la nostra forza in questo finale di stagione. Abbiamo dato il massimo e cercato di vincerla nonostante la piega che aveva preso la gara. Dobbiamo tutti dare qualcosa di più”.

Cagliari-Parma: parla D’Aversa.

Mister D’Aversa è amareggiato per la prestazione dei suoi. Una partita che poteva essere chiusa se gestita con maggiore attenzione. Raggiunto dai microfoni di Sky, ha così commentato la prestazione del suo Parma: “Penso che sia una sconfitta indimenticabile, avevamo avuto il controllo per tutta la partita e invece ahimè commentiamo una sconfitta che peserà molto nel nostro campionato. Abbiamo buttato via la vittoria e anche il pareggio”. 

Mister D’Aversa: “E’ solo colpa nostra”

Alla domanda del giornalista: “Come ricompattare il gruppo?”, l’allenatore ducale risponde: “Dobbiamo riflettere sulla partita di stasera. Questa gara rappresenta tutto il percorso da quando sono arrivato: facciamo prestazioni e meritiamo i risultati e poi alla fine magari perdiamo come successo oggi e contro il Genoa. Siamo noi responsabili della nostra posizione di classifica, ciò che conta è il risultato finale. Commettiamo errori di inesperienza e poi succede che come stasera buttiamo via le partite in due minuti. Le occasioni per incrementare il risultato le abbiamo avute, abbiamo sprecato alcune palle gol anche clamorose. Alla fine ci siamo abbassati un po’ per le condizioni non ottimali di alcuni giocatori. Dobbiamo sentirci responsabili della situazione di classifica in cui ci troviamo. E’ solo colpa nostra, non della sfortuna o di altro. Forse l’atteggiamento è dovuto anche alla situazione di classifica che ci ha portati a difenderci bassi, ma non possiamo prendere due gol così conoscendo le loro caratteristiche”.

L’allenatore del Parma: “Vorrei tornare quello di una volta”

L’inviato di Sky, per cercare la causa dei problemi dei crociati visti in Cagliari-Parma, chiede al tecnico D’Aversa: “E’ la testa il problema?”. Il coach esprime così il suo rammarico: “Di fronte sicuramente avevamo una squadra di qualità. Invece di andare a cercare di fare un altro gol siamo tornati sul nostro portiere. Ci è mancato il coraggio avuto nel primo tempo. Poi è mancata anche l’esperienza, quando ti trovi davanti Cerri che è forte di testa devi dargli fastidio. I giocatori più giovani non hanno ancora quella malizia. Ci troviamo a discutere di un risultato finale che non rispecchia la prestazione. Forse una volta ricevevo meno complimenti ma portavo a casa più vittorie, vorrei tornare così”.

  •   
  •  
  •  
  •  
Leggi anche:  Real Madrid: Sergio Ramos verso Parigi