Coppa Svizzera: Lugano beffato ai supplementari, in semifinale ci va il Lucerna

Pubblicato il autore: Alberto Rossi Segui


Il Lucerna, scivolato nei bassifondi della classifica della Super League dopo aver incamerato un solo punto nelle ultime quattro gare, ritrova la via della vittoria nei quarti di finale della Coppa Svizzera superando in trasferta il Lugano per 2-1 dopo i tempi supplementari. La compagine diretta dall’ex tecnico bianconero Fabio Celestini, nonostante le assenze di Schulz e Sorgic, si guadagna l’accesso alle semifinali della coppa nazionale vincendo in rimonta a Cornaredo come era accaduto meno di due mesi or sono in campionato. Decisivo, dopo che gli ospiti erano riusciti a ribaltare con i centri di Schürpf (79’) e Ndiaye (107’), l’iniziale svantaggio determinato dalla rete di Lovric (20′), si rivela il rigore parato da Müller a Maric al 122’. Per completare il quadro delle semifinaliste, che al momento annovera, oltre al Lucerna, anche l’Aarau largamente vittorioso sul Winterthur lo scorso 6 aprile, bisognerà attendere l’esito dei restanti quarti di finale (Kriens-Servette e Grasshoppers-San Gallo) in programma domani.

Leggi anche:  Calciomercato Roma, con Mourinho potrebbe restare Florenzi

Il primo tentativo a rete è del Lugano: Sabbatini, dopo aver recuperato un buon pallone sulla trequarti avversaria, conclude malamente sul fondo dal limite dell’area. La compagine ticinese si rende pericolosa al 18’ con un tentativo di Abubakar sventato in corner da Müller. Sugli sviluppi del tiro dalla bandierina Maric sciupa una favorevole opportunità non inquadrando il bersaglio dall’altezza del dischetto del rigore. Il vantaggio del Lugano è nell’aria e si materializza al 20’ con il gol Lovric pronto a sfruttare a pochi passi dalla porta un’ottima giocata nei pressi della linea di fondo di Bottani. Il Lucerna va immediatamente vicino al pareggio colpendo una traversa con una con una conclusione da fuori area di Sidler. Nel prosieguo della prima frazione i padroni di casa controllano con sicurezza i tentativi privi d’incisività degli ospiti e al 34’ sfiorano il raddoppio con Bottani che si vede deviare in angolo il suo tentativo da un provvidenziale intervento in scivolata di Knezevic.

Leggi anche:  Dove vedere Arsenal-Villarreal, streaming e diretta Tv della semifinale di Europa League

La ripresa vede il Lucerna avanzare il proprio raggio d’azione senza però riuscire a creare particolari problemi alla retroguardia ticinese sino al 77’ quando Ndiaye impegna con una battuta da distanza ravvicinata Osigwe. Il portiere bianconero non riesce però due minuti più tardi ad opporsi ad un traversone dalla sinistra dalla sinistra di Schürpf modificato nella traiettoria da una folata di vento. Il Lugano, ripresosi dal duro colpo, torna a farsi vedere in avanti all’84’ con una punizione di Custodio respinta piuttosto agevolmente da Müller. La formazione diretta da Maurizio Jacobacci prende in mano le redini del gioco nel primo tempo supplementare sfiorando il bersaglio al 97’ con un tentativo alto di Abubakar e colpendo al 105’ un clamoroso palo interno con un colpo di testa di Ardaíz. Il copione non sembra cambiare anche al cambio di campo ma una disattenzione difensiva sottocenerina su un rinvio dal fondo di Müller è sfruttata al meglio da Ndiaye (107’). Il Lugano si riversa in avanti. Müller, 27enne estremo difensore tedesco del Lucerna, si erge ad assoluto protagonista opponendosi ai tentativi di Maric di testa (117’) e dal dischetto (122’).

Leggi anche:  Thomas Tuchel sottovalutato: di nuovo in finale di Champions

Coppa Svizzera – Quarti di finale

Aarau – Winterthur 3-0
Lugano – Lucerna 1-2 d.t.s
Kriens – Servette mercoledì 14 aprile
Grasshoppers – San Gallo mercoledì 14 aprile

  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: