Juventus, caso Suarez: le ultime dichiarazioni del presidente

Pubblicato il autore: Anna Rosaria Iovino


Il caso Suarez alla Juventus ancora fa rumore in Italia. La Repubblica nell’ultima edizione ha fatto luce su alcune dichiarazioni ancora sconosciute. Il quotidiano ha riportato alcune dichiarazioni rilasciate dal presidente Andrea Agnelli nell’ultimo incontro con il procuratore di Perugia.

Juventus, Agnelli: “Trattativa gestita da Paratici”

Lo scorso 26 gennaio il presidente bianconero ha rilasciato nuove dichiarazioni sul caso Suarez al Procuratore capo di Perugia Raffaele Cantoni. Agnelli ha dichiarato: “Tutta la trattativa l’ha gestita Paratici, in quel periodo noi sul mercato ci stavamo muovendo anche su Dzeko. Di Suarez ricordo che durante un pranzo, svolto mi pare a fine agosto, il nostro vicepresidente Pavel Nedved mi disse che il calciatore del Barcellona si era proposto, con un sms, per un ingaggio alla Juventus”. 

Sull’esame di Suarez ha dichiarato di non saperne nulla, affermando: “Non ricordo di essere stato informato. So dell’esame di Suarez dai giornali e ricordo che chiamai il giocatore in un’unica occasione, per ringraziarlo di essersi proposto”. 
Agnelli sottolinea la difficoltà di ricordare tanti dettagli in quanto le trattative della Juventus in quel periodo erano numerose. Il presidente dichiara: “In quel periodo vi erano diverse trattative: Dzeko, Milik, Morata e Cavani. All’inizio di settembre fui informato sulle difficoltà di ingaggiare Suarez, in quanto non avesse cittadinanza comunitaria. Sono stato informato sull’impossibilità del passaggio il 14 settembre. Al mio rientro la società si stava già muovendo per Dzeko”. 

Ciò che aiuta Agnelli nella sua posizione è l’azione dell’ex dirigente bianconero, Maurizio Lombardo, che chiese all’Uefa la possibilità di inserimento di un giocatore in lista anche oltre la scadenza. Agnelli al riguardo ha affermato: “Tale parere costituisce prova, secondo me, del fatto che il 14 settembre era già chiaro che Suarez non poteva essere tesserato in tempo”. Infine il presidente della società piemontese si esprime anche sul rapporto tra Paratici e De Micheli: “Sono a conoscenza dei rapporti personali tra loro due, la cosa non mi sorprende. Considerando che si tratta di una mera richiesta di informazioni sull’ufficio da contattare, non mi è parso ci fosse qualcosa di strano”. 

  •   
  •  
  •  
  •  
Leggi anche:  Consigli Fantacalcio, i giocatori da acquistare all'asta di riparazione: ecco top e sorprese!