Juventus, Dybala chiede scusa per la festa da Mckennie

Pubblicato il autore: Anna Rosaria Iovino Segui


La Juventus ha visto alcuni dei suoi giocatori coinvolti in una festa “illecita” a casa dell’americano McKennie. Il giovane talento bianconero avrebbe dato una festa con oltre 20 persone. A questa “riunione” avrebbero partecipato anche giocatori della Juve accompagnati da fidanzate o famiglia. Qualcuno li ha segnalati alle forze armate, i quali sono piombati nell’immediato presso la villa dell’americano, multando tutti.

Juventus, Dybala chiede scusa

Tra i presenti a casa di McKennie c’era anche Paulo Dybala. Anche il giocatore argentino è stato coinvolto nella spiacevole situazione che si è venuta a creare intorno alla Juventus. L’attaccante, così come gli altri presenti, è stato multato (400 euro a testa). In seguito all’accaduto sono arrivate numerose critiche e accuse verso i giocatori, così Dybala ha pensato di chiedere scusa e lo ha fatto tramite i social network. Sul profilo Instagram dell’argentino si legge: “So che in un momento così difficile nel mondo per il Covid sarebbe stato meglio non sbagliare.  ma ho sbagliato a rimanere a cena fuori. Non era una festa, ma ho sbagliato lo stesso e mi scuso”.

La società bianconera è furiosa con i protagonisti della vicenda, a tal punto da voler punire i trasgressori. Secondo indiscrezioni riportate sul Corriere dello Sport, la Juventus ha varie opzioni. Il club potrebbe decidere anche per l’esclusione dei tre calciatori dal derby con il Torino, in programma sabato prossimo.

  •   
  •  
  •  
  •  
Leggi anche:  Caso plusvalenze Juventus, Elkann: "Le difficoltà rafforzano la società"