L’ex Evra: “Marotta torna alla Juventus, all’Inter non ci sono più soldi. I gufi dei bianconeri…”

Pubblicato il autore: Giuseppe Biscotti Segui

Il consiglio di Evra a Marotta. L’ex difensore della Juventus ha parlato così ai tifosi bianconeri in una diretta su Instagram: “Vi rendete conto che vi svegliate la mattina e il vostro mestiere è gufare alla Vecchia Signora. Cioè avete fatto la vostra storia e urlavate: “Evra dove c***o sei?”. Cioè avete gufato solo alla Juve perché non partecipasse alla Champions. Alla fine la Vecchia Signora non molla mai, ma questo è anche un grande messaggio per tutti gli juventini. È normale che la gente gufi, nove scudetti di fila. Vi rendete conto di come hanno sofferto queste persone? Quindi dobbiamo capirle un po’. Sono arrabbiati. Però voi dovete capire che non c’è niente di scontato. Quando parlo con Andrea (Agnelli ndr) il suo obiettivo è sempre di vincere lo scudetto e lo ha fatto 9 volte di fila. Dobbiamo avere rispetto e dobbiamo godere quando vinciamo il campionato e dobbiamo rispettare tutti i giocatori che durano per questa maglia e l’allenatore. Adesso ragazzi, avete fatto arrabbiare la Vecchia Signora e non vedo l’ora che arrivi la prossima stagione”.

Evra conclude: “Volevo anche salutare Andrea (Pirlo ndr), grazie per tutto, hai fatto un grande lavoro in una stagione non facile. Ma alla fine l’obbiettivo di qualificarsi alla Champions lo hai centrato. Ma devi essere orgoglioso per la tua esperienza da allenatore, devi essere orgoglioso di te stesso. Però sai che alla Juve, anche se vinci il campionato, rischi il tuo posto. L’ho già detto in video chi è che deve tornare e lo so che tornerà, ma anche Beppe Marotta non farmi arrabbiare, vuoi che ti chiami? Torna a casa che all’Inter non ci sono più soldi. Guarda: uno Scudetto e Conte va via, vanno via i giocatori… non è la Juve. Non c’è la regolarità tutti gli anni. Quindi ragazzi vi voglio bene anche a quelli che gufano però la Vecchia Signora non molla mai. Vi auguro una buona giornata”. 

  •   
  •  
  •  
  •  
Leggi anche:  Fiorentina - Inter 1 - 3, i nerazzurri tornano primi in classifica