Superlega, clamorosa rivelazione: la Fifa sapeva tutto da tempo. Ecco chi c’è dietro

Pubblicato il autore: Mattia DElia Segui


Dopo l’annuncio e il fallimento nel giro di poche ore della Superlega, il New York Times rivela un clamoroso colpo di scena. Dalle pagine del quotidiano americano arrivano nuovi dettagli importanti sulla Superlega e pare che dopo aver analizzato il contratto tra i club fondatori, il progetto aveva un clamoroso alleato nascosto: la FIFA. Quindi se pubblicamente le istituzioni hanno osteggiato il progetto, sembra che privatamente le cose siano andate in modo ben diverso. Ecco di seguito i dettagli.

Superlega – La situazione della Fifa

Nel dettaglio, dai documenti sarebbe emerso che lo sviluppo dell’iniziativa era legato al placement del calcio mondiale, inserito nell’accordo con un nome in codice e dunque al corrente del progetto e pronto ad appoggiarlo. Particolare che contrasta con la presa di posizione pubblica di Infantino dopo l’annuncio dei 12 club fondatori. Infatti, Infantino sapeva che alcuni dei suoi uomini più vicini erano stati impegnati per mesi, almeno fino al gennaio 2019 e che ci sono stati diversi colloqui e un consorzio di advisor chiamato A22. Il presidente della Fifa, inoltre, pare che avrebbe convinto lui stesso la banca d’affari statunitense JP Morgan a investire sul progetto ideato da Agnelli e Perez. Una situazione potenzialmente esplosiva, che rischia di minare l’attendibilità e complicare la posizione della Fifa.

  •   
  •  
  •  
  •  
Leggi anche:  Buffon torna al Parma: accordo raggiunto e fascia da capitano pronta