Champions League, in caso di esclusione la Uefa dovrà risarcire Juventus, Real e Barcellona. Ecco i dettagli

Pubblicato il autore: Mattia DElia Segui


Come tutti sappiamo Juventus, Real Madrid e Barcellona sono le tre squadre fondatrici del progetto Superlega. Progetto che non ha preso vita e quindi le tre squadre parteciperanno alla prossima Champions League, anche se la Uefa ha chiesto l’esclusione. Al momento il procedimento disciplinare della Uefa nei confronti proprio di Juventus, Real Madrid e Barcellona è sospeso in attesa del pronunciamento pregiudiziale della Corte della Giustizia UE, che potrebbe arrivare entro la fine dell’anno. Ma cosa succederà alle tre squadre se il procedimento sarà negativo e quindi saranno esclusi dalla Champions League? Ecco di seguito i dettagli.

Cosa succederebbe in caso di esclusione?

Stando a quanto riportato dal Daily Mail, nel caso di esclusione dalla Champions League dei tre club, essi avrebbero diritto ad un risarcimento pari al 20% delle perdite derivanti dalla mancata partecipazione alle competizioni europee. Considerando che in media i tre club incassano tra i 70 e gli 80 milioni di euro grazie al proprio percorso in Champions League, si tratterebbe di una cifra tra i 15 e i 20 milioni di euro a società. Considerando i ricavi della stagione 19/20 (gli ultimi ufficiali a disposizione), in caso di esclusione dei tre club la Uefa dovrebbe versare un totale di oltre 50 milioni di euro. Nello specifico: 20 milioni di euro al Barcellona; 16,8 milioni di euro alla Juventus; 16,1 milioni di euro al Real Madrid.

  •   
  •  
  •  
  •  
Leggi anche:  Inter, ultime infortunio Correa e Vidal: cosa trapela in vista della Fiorentina