Copa Sudamericana, LDU Quito-Gremio: presentazione

Pubblicato il autore: Alberto Rossi Segui


Gli ottavi di finale della Copa Sudamericana si aprono stanotte (diretta DAZN, ore 00.15) alla “Casa Blanca” di Quito in Ecuador con la gara d’andata tra i padroni di casa della Liga Deportiva Universitaria ed i brasiliani del Gremio di Porto Alegre. Il confronto di ritorno, a campi invertiti, è previsto per mercoledì 21 luglio.

Come le due contendenti sono arrivate agli ottavi di finale

La Liga Deportiva Universitaria de Quito si è garantita la partecipazione al primo turno ad eliminazione diretta della Copa Sudamericana chiudendo al terzo posto con 8 punti (bilancio di due vittorie, due pareggi e due sconfitte) il girone G della Copa Libertadores vinto dai brasiliani del Flamengo davanti agli argentini del Vélez Sarsfield. L’imbattuto Gremio di Porto Alegre si è, invece, qualificato primeggiando agevolmente (16 punti conquistati frutto di cinque successi ed un pari) nel girone H della seconda competizione per importanza della CONMEBOL che comprendeva anche gli argentini del Lanús, i colombiani de La Equidad ed i venezuelani dell’Aragua.

Leggi anche:  Copa Libertadores, semifinale d’andata: deludente 0-0 tra Palmeiras e Atlético Mineiro
Qui Liga Deportiva Universitaria

La LDU, l’unica squadra dell’Ecuador ad aver vinto la Copa Libertadores (2008), è soltanto settima nella massima serie del proprio paese con 22 punti all’attivo (cinque vittorie, sette pareggi e due sconfitte) ma nel suo ultimo impegno ufficiale, sostenuto il 26 giugno sotto la guida del tecnico in seconda Gabriel Di Noia (subentrato ad interim a seguito dell’esonero di Pablo Repetto avvenuto dieci giorni prima), si è assicurata anche la seconda edizione della supercoppa nazionale sconfiggendo in finale per 1-0 il Barcelona de Guayaquil dopo aver superato in semifinale il Delfín per 4-2.
Pablo Marini, scelto come nuovo allenatore per la seconda parte della stagione, farà dunque il suo debutto sulla panchina degli Albos proprio stanotte contro il Gremio. Il 54enne allenatore argentino non potrà contare sull’avanti colombiano Cristian Martinez Borja passato pochi giorni or sono al Junior de Barranquilla.

Leggi anche:  Serie A, dove vedere Salernitana Hellas Verona: diretta tv e streaming DAZN o Sky?
Qui Gremio

Il Gremio, campione intercontinentale nel 1983 e tre volte vincitore della Copa Libertadores (1983, 1995 e 2017) insegue, a differenza dell’avversaria (già trionfatrice nel 2009) la sua prima affermazione nella Copa Sudamericana. Un avvio di Brasileirão da dimenticare ha spinto la dirigenza del Tricolor dos Pampas ad esonerare, dopo il ko per 2-0 subito in casa della capolista Palmeiras avvenuto l’8 luglio, l’allenatore Tiago Nunes ed affidare per la quarta volta la panchina del club a Felipe Scolari.
Il Gremio, guidato per la prima volta dal 72enne tecnico di Paso Fundo campione del mondo nel 2002, non è riuscito sabato scorso ad abbandonare il fondo della classifica (3 punti dopo nove giornate) ed a cancellare lo zero dalla casella delle vittorie ma, grazie soprattutto agli interventi tra i pali di Gabriel Chapecó, ha quantomeno evitato di allungare a quattro la striscia di sconfitte consecutive chiudendo a reti bianche l’atteso derby di Porto Alegre con l’Internacional. Scolari dovrà nella circostanza fare i conti con assenze importanti come quelle del difensore Pedro Geromel, dei centrocampisti Rafinha e Victor Bobsin e dell’attaccante Ferreira.

Leggi anche:  Dove vedere Milan-Venezia, streaming e diretta Tv
I precedenti

Liga Deportiva Universitaria de Quito e Gremio non si sono mai incontrate precedentemente nella Copa Sudamericana. La compagine ecuadoriana vanta nelle ultime tredici gare interne disputate contro avversarie brasiliane (nessuna terminata con un risultato di parità) un bilancio positivo (nove vittorie e quattro sconfitte) ma nelle due sfide più recenti ha rimediato altrettanti ko. Nella sua unica precedente apparizione in Ecuador in questa competizione (2012) il Gremio ha riportato un successo per 1-0 sul Barcelona de Guayaquil.

  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: