Euro 2020, sarà la quarta finale per l’Italia

Pubblicato il autore: Walther Bertarini Segui


 Italia in finale, dopo aver trionfato sulla Spagna ai calci di rigore in una partita in cui i ragazzi di Roberto Mancini sono stati meno belli esteticamente ma hanno saputo mettere in campo sofferenza, grinta, coraggio e forza di nervi. Sarà la quarta finale europea della sua storia, dopo l’ultima datata 1 luglio 2012 in cui la squadra allenata da Prandelli fu sconfitta a Kiev per 4-0 da una Spagna travolgente.

E’ stata  anche la quarta sfida tra azzurri e Furie Rosse in una fase finale degli Europei con un bilancio di due vittorie a testa ( nel 2008 e 2012 per gli spagnoli, 2016 e 2020 per gli azzurri). La vittoria di ieri  ha vendicato anche il 3-0 di Madrid nel settembre 2017, quando la Spagna condannò l’Italia a giocarsi gli spareggi per i mondiali in Russia 2018, finendo per non qualificarsi ai danni della Svezia. Insomma tanti motivi per poter sorridere.

Leggi anche:  Europei pallavolo maschile, l'Italia è campione d'Europa

Serata di festa nelle piazze italiane passando da Roma, Milano e Genova facendo ricordare le notti magiche di Italia ‘90 e la notte di Berlino nel 2006, augurandoci di riviverle domenica a Wembley aspettando la vincente di Inghilterra-Danimarca.

Soddisfatti anche i membri dei vertici istituzionali a cominciare da Giovanni Malagò, presidente del CONI che ha dichiarato: “Siamo molto orgogliosi, standing ovation a Mancini e a Gravina. Gli fa eco proprio il presidente federale Gabriele Gravina: “Una storia molto bella per tutti gli italiani. E’ l’estate di Euro 2020. Tutto quello che sembrava un sogno è diventato storia, non parliamo di eventi straordinari. Continuiamo ad alimentare questo entusiasmo, non so dire cosa succederà domenica a Londra ,ma possiamo dire che gli italiani hanno vissuto una storia molto bella“. Chiude il tecnico Roberto Mancini che ha postato sul suo profilo Instagram: “Ma che musica maestro” ricordando la cantante e presentatrice Raffaella Carrà.

Leggi anche:  Inter, ultime infortunio Correa e Vidal: cosa trapela in vista della Fiorentina

Ora non resterà che attendere auspicando di sollevare un trofeo che manca dal 1968.

  •   
  •  
  •  
  •