Gabriele Gravina sulla riapertura degli stadi e riforma della Serie A

Pubblicato il autore: Valerio Ciccone Segui


Il presidente della FIGC Gabriele Gravina ha rilasciato delle dichiarazioni in conferenza stampa subito dopo l’odierno Consiglio Federale esprimendosi a proposito della riapertura degli stadi, del green pass nel mondo calcio e della riforma delle leghe professionistiche italiane.

Riapertura degli stadi

“Il limite del 50% è inapplicabile, risulta difficile occupare un seggiolino si e uno no. Abbiamo esortato il governo affinché ci venga data la possibilità di occupare i posti a scacchiera. Dispiace che al nostro calcio, che ha molti riflessi sulla società e sull’economia del nostro paese non venga riconosciuta la giusta importanza.”

Green pass

 “Il Green pass riguarderà tutti non solo il pubblico, ma anche gli atleti. In questo senso la nostra proposta è in condivisione con le volontà del governo. Anzi in questo modo ci muoveremo come promotori della campagna vaccinale. Solo in seguito valuteremo l’obbligatorietà del vaccino a tutela della salute dei nostri lavoratori.”

Nuova Serie A

“Nuovo campionato a 18 squadre? parlare di numeri non mi affascina. Qui non parliamo di numeri ma di una vera e propria rivoluzione con un impatto certamente positivo sulla stabilità e sulla sostenibilità finanziaria del sistema. La mia proposta, se accettata dal consiglio, sarebbe valida a partire dalla stagione 2024-25. Il nuovo format sarebbe segnato da una fusione tra la serie B e la Serie C, dal momento che tre livelli  di professionismo non sono più sostenibili. L’obiettivo finale della riforma non è numerico, bensì mira a ridurre il numero delle retrocessioni e il divario di risorse tra le diverse categorie.”

  •   
  •  
  •  
  •  
Leggi anche:  Le italiane in Europa: un primo bilancio delle "7 Sorelle"