Insigne al Napoli festeggia 400 presenze

Pubblicato il autore: Marzia Parmigiani Segui


Il campione europeo Insigne al Napoli festeggia ben 400 presenze affermando che c’è ancora molto lavoro da fare con la sua squadra del cuore. Le parole di Insigne infatti sono state: “Adesso dobbiamo pensare a lavorare, la strada è molto lunga.

Il mondo per Insigne al Napoli di festeggiare è segnare un goal

Per le 400 presenze c’era chi si aspettava grandi festeggiamenti o classiche battute da campione mentre Insigne no, pensa al suo lavoro ed è felice di giocare nella sua squadra. Il campione da sempre è un esempio umiltà e grande impegno nella squadra del Napoli. E’ un elemento fondamentale anche nella nazionale italiana dove ha dimostrato di tenere alto anche l’umore della squadra con la sua innata simpatia.

Leggi anche:  Pallavolo femminile A1, il programma della 4.a giornata

Dopo la partita contro il Cagliari ha detto: ”Avevo detto quando ricevuto targa e maglia che il modo migliore per festeggiare le 400 presenze in maglia azzurra era vincere era fare gol. Ci siamo riusciti ma ora dobbiamo stare con piedi per terra abbassare la testa e lavorare perché la strada è molto lunga.”

E ancora Insegne al Napoli per Dazn:Ho provato l’emozione indescrivibile che ho sempre sognato, me la sto godendo e sto cercando di ripagare la fiducia con le mie prestazioni.

E poi ha concluso: ”Prepariamo le partite in settimana. Il mister cerca di farci divertire e lavorare e poi si vede in campo quello he facciamo in settimana. Da capitano dico che bisogna stare tranquilli, la strada è in salita. L”anno scorso ci siamo rimasti male per un pareggio con il Verona e ci fa ancora male. Noi cerchiamo di esprimere il gioco del mister Spalletti. Lui sapeva che eravamo un po’ delusi per quello che è accaduto lo scorso anno, ma ci sta tirando su e noi dobbiamo solo seguirlo’.’

Leggi anche:  Dove vedere Casertana-Audace Cerignola, streaming gratis Serie D e diretta tv Antenna Sud?

Insegne al Napoli quando per errore sul tabellone appare accanto al suo nome il numero 10

”Il 10 non si tocca, è stata la maglia di una leggenda che ha portato Napoli sul tetto del mondo e che ci ha fatto sognare. La 10 è una maglia che è del nostro idolo e non si può toccare”.

  •   
  •  
  •  
  •