Spalletti allenatore del mese a Napoli

Pubblicato il autore: ElinaSindoni Segui


Spalletti allenatore del mese, il premio sarà consegnato domenica 17 ottobre allo Stadio “Diego Armando Maradona” di Napoli. Spalletti è stato nominato Coach of The Month dalla Lega Serie A in settembre. La consegna del premio sarà appunto il 17 ottobre quando ci sarà la partita Napoli – Torino.

Da chi è assegnato il premio a Spalletti allenatore del mese?

Da Direttori di testate giornalistiche sportive che hanno avuto modo di valutare i singoli allenatori. Le basi di valutazione sono stati i criteri sportivi e di qualità di gioco, oltre ovviamente a criteri come il comportamento e il fair play che l’allenatore ha avuto durante le gare.

Come sono stati calcolati i parametri di valutazione su Spalletti allenatore del mese?

Per un calcolo ben specifico e fatto con criterio sulle prime 6 giornate di campionato, l’allenatore è quello che ha ottenuto un punteggio più alto. Luigi De Siervo Amministratore Delegato della Lega Serie A ha dichiarato:  “Siamo molto contenti di assegnare il primo premio Coach Of The Month a Luciano Spalletti, che si sta dimostrando ancora una volta uno dei più importanti allenatori d’Europa”. Ha dichiarato in merito a Spalletti: “La sua esperienza e la capacità di ottenere sempre il massimo dai propri giocatori hanno permesso al Napoli di esprimere un gioco spettacolare e al tempo stesso efficace. Sei successi nelle prime sei giornate di Serie A TIM, il secondo miglior attacco con 16 reti e la miglior difesa con due gol subiti certificano I’ottimo lavoro svolto dal mister della prima in classifica”.

Leggi anche:  Alessio Tacchinardi: "Con un Dybala al 100% e Vlahovic la Juventus può tornare a far paura..."

Come ha risposto il Napoli di De Laurentiis in merito al premio che riceverà Spalletti?

L’allenatore omaggiato con un tweet dal profilo ufficiale di Official SSC Napoli.

Le dichiarazioni di Spalletti quando è diventato allenatore del Napoli

Il Napoli è una squadra forte e sono curioso di entrarci dentro il prima possibile per vedere fino in fondo quanto ne è consapevole. Essere forte se non sai di esserlo a volte non completa quello che deve essere il tuo comportamento. Di questo me ne renderò conto strada facendo. Da quando ho saputo che sarei stato allenatore del Napoli non ho mai levato gli occhi di dosso a questa squadra che mi piace e mi somiglia“.

Leggi anche:  Giorno della memoria, i messaggi di Gravina e Ghirelli contro le discriminazioni

Sui tifosi del Napoli, l’allenatore aveva detto: “Il calcio giocato lo dobbiamo per forza accostare ai risultati, non c’è altra strada. Ai tifosi del Napoli quello che gli dai te lo rendono con gli interessi. Mi piace lo slogan sarò con te che poi è stata la canzone di battaglia per tante partite. Quello è un grido di appartenenza che non dovrebbe mai mancare dentro questi ambienti di sport. E’ una mano che ti tende la città che noi dovremo stringere forte per provare ad arrivare lontano e dimostrare di meritare di vestire questa maglia qui. Questa è una squadra della città perché qui sono quasi tutti tifosi del Napoli e quindi dobbiamo restituire questo amore e affetto con il comportamento e la disponibilità in campo“.

  •   
  •  
  •  
  •