Guerra Ucraina-Russia, tutte le decisioni nello sport

Pubblicato il autore: Mattia DElia


Il conflitto che sta avvenendo in Ucraina a causa dell’invasione della Russia ha avuto un grande impatto sul mondo dello sport. Tanti gli eventi sportivi annullati, tanti gli atleti e squadre sanzionate. Ecco di seguito tutte le decisioni prese nel mondo dello sport.

Le decisioni sportive prese contro la Russia

  • CALCIO, FUORI NAZIONALE E SQUADRE DI CLUB DALLE COMPETIZIONI FIFA E UEFA – La Uefa e la Fifa hanno sospeso le squadre russe, club e nazionali, da tutte le loro competizioni internazionali fino a nuovo ordine. Questa decisione è stata presa, come tutte le altre che vedremo, in segno di vicinanza al popolo ucraino. Per la Russia, dunque, niente Mondiale maschile e Europeo femminile; mentre lo Spartak Mosca è stato escluso dall’Europa League.
  • CALCIO, FINALE DI CHAMPIONS LEAGUE SPOSTATA – La Uefa ha deciso di spostare la finale di Champions League da San Pietroburgo a Parigi.
  • CALCIO, ABRAMOVIC LASCIA IL CHELSEA – Abramovich, dopo quasi 20 anni, ha lasciato la presidenza del Chelsea. Inoltre, Abramovich sarebbe stato coinvolto nei negoziati tra Russia e Ucraina.
  • BASKET, EUROLEGA E EUROCUP SOSPENDONO I CLUB RUSSI – L’Eurolega ha sospeso Cska Mosca, Unics Kazan e Zenit San Pietroburgo dalla competizione e il Lokomotiv Kuban dall’Eurocup. Inoltre, in caso la situazione non migliori, le partite già giocate da queste formazioni verranno annullate ai fini della classifica.
  • TENNIS, NIENTE TORNEI IN RUSSIA – La Federazione Internazionale ha annullato tutti i tornei del circuito ITF originariamente previsti in Russia.
  • PALLAVOLO, NIENTE PARTITE IN RUSSIA E UCRAINA – La Cev, la federazione internazionale, ha spiegato che non si svolgeranno eventi in Ucraina e Russia. Dunque, tutte le partite casalinghe dei club dei due paesi saranno giocate in campo neutro.
  • FORMULA 1, CANCELLATO IL GP DI SOCHI – Il Gran Premio di Sochi, previsto per il weekend del 25 settembre, non si correrà.
  • JUDO, PUTIN SOSPESO DALLA CARICA DI PRESIDENTE ONORARIO E AMBASCIATORE.

  • CIO, NIENTE COMPETIZIONI PER ATLETI RUSSI E BIELORUSSI – Il Comitato Olimpico Internazionale ha ritirato “l’Ordine Olimpico” al presidente della Federazione Russa, Vladimir Putin per violazione della tregua olimpica dopo gli attacchi in Ucraina. Inoltre, ha raccomandato a tutte le Federazioni mondiali di non invitare atleti russi e bielorussi nelle competizioni sportive internazionali.
  • SCHERMA, RITIRO DI UCRAINA E ITALIA – La squadra ucraina di scherma si è ritirata da un evento a squadre di scherma della Coppa del Mondo al Cairo per non affrontare la Russia. Russi e ucraini si sarebbero dovuti incontrare agli ottavi di finale, mentre la nostra Nazionale aveva deciso di non partecipare ai sedicesimi di finale contro il team russo.
  • NUOTO, CANCELLATI EVENTI IN RUSSIA – Cancellati i mondiali junior di nuoto in programma a Kazan ed ha annunciato che non si terranno altri eventi in Russia.
  • SCI, NIENTE GARE IN PROGRAMMA IN RUSSIA – Annullate tutte le gare in programma in Russia entro la fine della stagione, ovvero: Coppa del mondo FIS Skicross (25-27 febbraio), Coppa del mondo FIS Aerials (26-27 febbraio), Coppa del mondo FIS salto femminile (18-20 marzo), Coppa del mondo FIS salto femminile (25-27 marzo) e Coppa del mondo sci di fondo (18-20 marzo).
  • GINNASTICA, NIENTE EVENTI IN RUSSIA E BIELORUSSIA – Cancellati tutti gli eventi in programma in Russia e Bielorussia.
  • SCACCHI, SPOSTATE LE OLIMPIADI – Le Olimpiadi di scacchi non si terranno in Russia, ma in una nuova sede che sarà definita a breve.
  •   
  •  
  •  
  •  
Leggi anche:  Calhanoglu in campo zittisce il pubblico rossonero dopo gli insulti ricevuti