Roma-Feyenoord, Mourinho suona la carica: “Testa solo alla finale”

Pubblicato il autore: Anna Rosaria Iovino


Mancano pochi giorni alla finale della prima edizione della Conference League. La sfida sarà Roma-Feyenoord, Mourinho suona la carica per spingere i suoi ragazzi e tutto l’ambiente giallorosso. La Roma ha l’opportunità di scrivere un nuovo pezzo di storia.

Roma-Feyenoord, Mourinho suona la carica: “Dimentichiamo  il passato..Sarebbe bello vincere per la città, per il club e tutti noi “

Archiviata la vittoria contro il Torino, gara che ha sancito anche la fine del campionato, con la Roma che ha conquistato la qualificazione in Europa League, è tempo di finale. La formazione capitolina è pronta a scrivere un nuovo pezzo della sua storia e a parlarne è José Mourinho ai microfoni della Uefa: “Le finali sono 50-50 ma faremo del nostro meglio per portarla a 51-49 per noi. Deve accadere durante la partita, non prima. Il lavoro che porta alla finale nell’arco di diversi mesi è la base per quei 90 o 120 minuti. È il giorno dei giocatori, noi siamo lì solo per dare un piccolo aiuto. Finora sono stato fortunato vincendo tutte le mie finali europee: i miei giocatori hanno dato il meglio nelle finali che abbiamo raggiunto. Nel momento della verità, si sono fatti trovare pronti”. 

La competizione è nata quest’anno, e José Mourinho è il primo allenatore ad aver raggiunto una finale di tutte le competizioni della Uefa. Sulla finale con la Roma ha dichiarato: “La Conference League è la nostra Champions. Questo è il livello in cui siamo, la competizione in cui stiamo giocando. Il club non raggiunge una partita come questa da molto tempo”.

Il tecnico portoghese, per la finale del 25 maggio 2022 a Tirana, ha così concluso: “Dobbiamo dimenticare il fatto che potremmo vincere il nostro primo trofeo. Per me, devi trattare la finale come una partita secca che porta tensione, pressione e senso di responsabilità. Dobbiamo solo pensare alla finale e all’avversario che affronteremo e dimenticarci della storia della Roma. Poi ovviamente sarebbe meraviglioso vincere per la società, per la città, per il club e tutti noi”. 

  •   
  •  
  •  
  •  
Leggi anche:  Milan: sapete chi è il nuovo allenatore della Primavera? Un ex giocatore rossonero