Roberto Baggio sulla partecipazione dell’Italia al Mondiale, ecco le sue parole

Pubblicato il autore: Andrea Milano


Roberto Baggio, il Divin Codino, uno dei giocatori più rappresentativi del calcio italiano e della nazionale, icona dei Mondiali del 1994, e chi più ne ha più ne metta, si esprime proprio sull’Italia e la sua mancata partecipazione al Mondiale in Qatar. Chiamato in causa sugli azzurri, dichiara: “La vergogna più grande è che l’Italia non sia andata di diritto in Qatar avendo vinto l’Europeo. Bisognerebbe cambiare le regole. È assurdo, è una vera follia”. Di questo argomento ne avevo già trattato in un recente passato e ciò che sostiene Baggio è quello che un pò pensano la maggior parte degli amanti del calcio, che l’Italia dopo la vittoria all’Europeo doveva essere ammessa di diritto al Mondiale, senza ovviamente togliere i nostri grandi demeriti per non averlo fatto.

Leggi anche:  Mondiali, probabili formazioni Olanda-Argentina: le scelte di Van Gaal e Scaloni

Le parole di Baggio su Mancini

Roberto Baggio fa riferimento anche alla partita dell’altra sera contro l’Argentina e la reputa impari soprattutto nella testa, ormai out quella dell’Italia dopo la mancata qualificazione, spensierata quella degli argentini. Infine Baggio parla anche di Mancini e del loro rapporto. Ecco le sue parole: “E’ scandaloso, mi sembra una follia, lo trovo assurdo che gli azzurri non siano in Qatar. Avranno questi ragazzi diritto ad un premio per quel che han fatto o no? La domanda da farsi è quella. L’amarezza più grande se fossi stato in squadra sarebbe quella. Una partita la puoi perdere con chiunque ma …. ti fanno un tiro, gol e rimani a casa. Ma quello che hanno fatto gli azzurri agli Europei era il minimo che meritassero: un posto ai Mondiali. Ho visto Mancini la settimana scorsa e gli ho detto che ciò che ha fatto agli Europei è stato qualcosa di straordinario e rimane, va rispettato. Ha il termometro della situazione, dei giovani che ci sono e che verranno”. Roberto Baggio, il Divin Codino, mai banale.

  •   
  •  
  •  
  •