MOVIOLA Juventus-Roma: tutti i dettagli del match all’Allianz Stadium

Pubblicato il autore: Anna Rosaria Iovino


MOVIOLA JUVENTUS-ROMA – Serie A – 
All’Allianz Stadium è in corso il big match della terza giornata di Serie A: Juventus Roma. L’arbitro di gara è M.Irrati, aiutato dai guardalinee Preti e Berti, mentre il IV uomo è Abisso e al Var troviamo Di Paolo.

Moviola Juventus-Roma

PRIMO TEMPO 
Minuto 2: arriva il gol della Juventus, segnato su punizione da Dusan Vlahovic. La punizione è giusta, arriva in seguito al fallo di Matic su Cuadrado.
Minuto 7: Giallo per Manuel Locatelli. Giusto il cartellino per il giocatore della Juve per intervento falloso ai danni di Paulo Dybala.
Minuto 9: Scintille tra due giocatori (Mancini e Vlahovic). L’arbitro prova a prendere in mano la situazione e avvisa i due giocatori, senza prendere nessun provvedimento.
Minuto 23: fallo di Miretti sy Dybala, volontario. Ci si aspetta un cartellino giallo, ma l’arbitro fischia soltanto una punizione.
Minuto 25: Vlahovic mette a segno un gran gol su assist di Cuadrado. La Roma chiede che venga controllato il Var. In seguito all’ausilio della tecnologia la rete viene annullata. Il gol è sporcato da un fallo di mano del serbo.
Minuto 33: fallo di Smalling su Vlahovic. L’arbitro fischia fallo, concede la punizione. Ci sono dubbi.
Minuto 41: giallo per Cristante per fallo su Rabiot. Decisione corretta.

Leggi anche:  Serie A femminile, dove vedere Inter-Juventus streaming gratis e diretta TV

SECONDO TEMPO
Minuto 59′: Punizione per la Roma, fallo di Miretti su Abraham. Giusta la decisione dell’arbitro.
Minuto 74: Proteste da parte delle due formazioni per un contatto tra Ibanez e Vlahovic in area: alla fine fallo in attacco che non lascia contento il serbo. Irrati poteva lasciar correre, anche perché Zalewski era ripartito in contropiede.
Minuto 77: giallo per Kostic. Decisione giusta di Irrati, il giocatore ha lanciato il pallone fuori dal campo e ha urlato contro l’assistenze Preti.
Minuto84: su angolo della Roma la palla finisce su Bremer, ma il braccio era attaccato completamente al corpo. Nessun fallo né rigore.

  •   
  •  
  •  
  •