Real Madrid, primo trofeo: battuto l’Eintracht 2-0, la Supercoppa è sua

Pubblicato il autore: Christian La Pira


Ad Helsinki, questa sera, si assegnava il primo titolo europeo della stagione 2022/2023, la Supercoppa Europea: di fronte la vincitrice dell’ultima Champions League, il Real Madrid di Carlo Ancelotti, e l’Eintracht Francoforte, che si è aggiudicata l’Europa League appena tre mesi ma che è reduce da un pesantissimo 6-1 in casa contro il Bayern nella prima giornata della Bundesliga. Favori del pronostico, ovviamente, tutti per le Merengues, che nell’ultimo calciomercato non hanno praticamente fatto operazioni, mentre i tedeschi oltre a non aver fatto grossi investimenti hanno pure appena perso Kostic, accasatosi alla Juventus da ieri pomeriggio.

Real con la formazione migliore, i tedeschi in difesa

Il Real si è schierato con la formazione tipo, col classico quartetto difensivo Carvajal-Militao-Alaba-Mendy davanti al portiere Courtois. Modric, Casemiro e Kroos continuano a comporre il trio di centrocampo, mentre davanti Benzema centrale è stato affiancato da Vinicius e Valverde. L’Eintracht ha risposto con una formazione abbastanza difensiva, confermato da un atteggiamento piuttosto passivo per gran parte dei 90′ di gioco: un 3-4-3 per i tedeschi mascherato con un 3-6-1, con Lenz e Knauff a fare su e giù lungo gli esterni, e Kamada e Lindstrom dietro Borre nel reparto avanzato.

Leggi anche:  Mondiali, Brasile-Croazia probabili formazioni: ecco i magnifici undici

Grande avvio dell’Eintracht, occasione per Vinici

Dopo 15′ di gioco, sono i tedeschi a sfiorare il vantaggio con Kamada, ma Courtois salva tutto. Due minuti dopo clamorosa occasione per Vinicius, che servito da Benzema in piena area di rigore si vede salvare sulla linea da Tuta un tiro che pareva destinato a segno. Dopo 20′, Valverde appare il più attivo tra i suoi, ma l’Eintracht con un buon possesso palla costringe i Blancos ad arretrare per qualche minuto. E al 24′ il giovanissimo Knauff costringe Courtois ad un altro grande intervento.

Se il Real fa il Real, il gol arriva: Alaba sblocca il match

Tra il 20′ e il 35′, il Real prende il comando del gioco, ma l’Eintracht si difende benissimo e non lascia spazio. A rompere gli schemi ci pensa allora Vinicius, che con un’accelerazione delle sue dalla sinistra fa fuori due avversari e conclude con un fortissimo rasoterra sul palo opposto, Trapp con un miracolo devia in angolo. Siamo al 38′: sul successivo corner, Benzema stacca di testa verso il fondo, Casemiro riesce a rimettere ancora di testa la palla dentro l’area, dove tutto solo Alaba spinge in rete nella porta sguarnita. Il Real passa a sorpresa, e nei minuti successivi schiaccia i tedeschi dentro la loro area, sfiorando il raddoppio con una nitida occasione per Benzema, che da solo dentro l’area con un tiro di pieno collo destro manda incredibilmente la palla a lato.

Leggi anche:  Irish League Cup, la finale sarà tra Coleraine e Linfield

Raddoppia il solito Benzema, partita in cassaforte

Ad inizio ripresa il Real riprende da dove aveva finito, prendendo in mano le redini del gioco e attaccando ripetutamente l’area avversaria: al 55′ Vinicius costringe Trapp ad un grande intervento di piede, pochi minuti dopo Casemiro colpisce la traversa. Il raddoppio sembra nell’aria, l’Eintracht prova a cambiare la situazione operando delle sostituzioni, ma sembra non servire a molto. E al 65′ i madrileni raddoppiano: Vinicius dalla sinistra serve Benzema dentro l’area che di prima intenzione buca Trapp e sigilla il risultato.

L’Eintracht non reagisce, Ancelotti vince il primo trofeo

Girandola di cambi negli ultimi 20 minuti, ma la partita non vive più di grandissimi sussulti. La differenza di preparazione fisica non si vede, nonostante l’Eintracht abbia due partite ufficiali in più rispetto agli uomini di Ancelotti, e infatti nella parte finale della gara il Real controlla abbastanza tranquillamente il punteggio di 2-0. Valverde si esalta con un paio di accelerazioni e assist per i compagni, che però non finalizzano il grande lavoro dell’Uruguaiano. Finisce così la finale di Supercoppa Europea, con Ancelotti che può sorridere e vedere subito i suoi giocatori alzare già il primo importante trofeo stagionale.

Leggi anche:  Antalyaspor-Napoli, streaming gratis e diretta tv Sportitalia, Sky o DAZN? Dove vedere amichevole

 

 

  •   
  •  
  •  
  •