Palermo, le parole di Baldini: “I nuovi proprietari non credevano in me invece con Corini…”

Pubblicato il autore: Andrea Milano


Silvio Baldini ha detto addio da poco anche al Perugia, dopo quello doloroso di inizio stagione al Palermo, appena riportato in Serie B. In poco più di tre mesi due dimissioni per Baldini, in un mondo sempre più attaccato ai soldi e al posto di lavoro è una vera e propria rarità. L’ex allenatore del Palermo torna sulle ultime settimane vissute male e i motivi che hanno portato al suo addio. La società non credeva in lui per una serie di motivi per Baldini.

I motivi dell’addio di Baldini al Palermo

“I nuovi proprietari non credevano in me. Basti pensare che mi hanno lasciato un anno di contratto, mentre a Corini, il mio successore hanno fatto un biennale. Avevo tre fisioterapisti miei e me ne hanno imposti altri due, insieme a un preparatore atletico di cui non avevo bisogno. A 64 anni – spiega Baldini – non desidero altro che viviere alla mia maniera, essere fedele a me stesso, al mio bisogno di emozioni forti. Per me la famiglia è tutto, se non sono gelice con me, non posso esserlo nemmeno con loro”. Personaggio forte e particolare nonchè un grande allenatore, tutto ciò è Silvio Baldini, che rimarrà comunque colui che ha riportato il Palermo in Serie B.

  •   
  •  
  •  
  •  
Leggi anche:  Mondiali, probabili formazioni Tunisia-Francia: le scelte di Kadri e Deschamps
Tags: