Moratti: “Prima di Calciopoli Moggi voleva venire all’Inter”

Pubblicato il autore: Christian La Pira


L’ex presidente dell’Inter Massimo Moratti ha rilasciato alcune dichiarazioni interessanti ai colleghi di SportPaper.it, in particolare su alcuni temi di stretta attualità quali l’intervento di Moggi all’assemblea degli azionisti Juve, la morte di Pelè e la ripresa di campionato della “Sua” Inter. Non manca, inoltre, un accenno a Josè Mourinho riguardo il possibile doppio incarico che il portoghese potrebbe avere tra Roma e la Nazionale del suo paese.

“L’Inter attuale è una squadra forte, brava la società”

“Su Moggi e il suo intervento non ho nulla da dire, ma posso confermare che Luciano poco prima di calciopoli voleva venire da noi all’Inter. Mourinho e il Portogallo? Sono sue scelte personali, non so cosa deciderà. Di sicuro apprezzo il suo coraggio nel venire ad allenare la Roma, è un grandissimo professionista. Riguardo l’Inter attuale, invece, apprezzo il modo di lavorare della società: hanno costruito una squadra forte tenendo i migliori, e non credo che a Gennaio arriverà qualcuno, non vedo chi potrebbe migliorare questa rosa. Alla ripresa ci sarà un Napoli fortissimo, ma la sosta potrebbe aver inceppato qualcosa nella squadra di Spalletti, quindi Inzaghi deve crederci”.

Leggi anche:  Oltre a Skriniar, sicuro partente, l'Inter rischia di perdere anche De Vrij

“Mio padre aveva preso Pelè, poi stracciò tutto all’ultimo”

“Mio padre aveva praticamente chiuso l’acquisto di Pelè già nel 1959. Poi però il presidente del Santos gli disse che la tifoseria gli si stava rivoltando contro e che aveva ricevuto minacce gravissime, quindi considerato tutto ciò mio papà non se la sentì di andare avanti mettendo a rischio l’incolumità di una persona e decise di stracciare il contratto”.

  •   
  •  
  •  
  •