Serie C, la Juve Stabia s'inceppa: Foggia imbattuto al Menti (0-0). Avellino a -2 dalla vetta

Nel posticipo della 13a giornata del girone C della Serie C le Vespe perdono i primi punti in casa dopo cinque vittorie. La squadra di Pagliuca spreca troppo nel finale contro i Satanelli e si vede avvicinata dai biancoverdi, ora secondi a due punti insieme al Benevento

Rallenta la corsa di testa della Juve Stabia. Nel posticipo della 13° giornata del girone C della Serie C le Vespe perdono i primi punti casalinghi della stagione, facendosi imporre lo 0-0 da un coriaceo Foggia. La squadra di Pagliuca, che mantiene però l’imbattibilità al Menti, dove la porta di Thiam è ancora imbattuta, aveva finora sempre vinto in casa: dopo cinque successi arriva quindi il primo passo falso che fa salire i campani a 28 punti. Vetta salva grazie al pareggio del Benevento contro il Giugliano, ma ora al secondo posto c'è una coppia formata dai sanniti e dall’Avellino, entrambe a -2 dai gialloneri. Per il Foggia un punto che fa morale più che classifica: la panchina di Cudini è più salda, ma il successo manca da cinque giornate.

Leggi anche:  Serie A, probabili formazioni Lecce-Atalanta: le scelte di Gotti e Gasperini

Brodino Foggia: Cudini imbriglia la capolista

Partita avara di emozioni in particolare nel primo tempo, dove a farla da padrone è stata l’ottima organizzazione tattica del Foggia, disposto con un 3-5-2 che ha impedito alla Juve Stabia di trovare le consuete linee di gioco per vie centrali inibendo anche le sovrapposizioni sulle fasce. Padroni di casa pericolosi solo su palla inattiva con Bellich, pescato da Romeo. Piscopo molto attivo, ma poco preciso, l’occasionissima arriva allo scadere con il primo inserimento di Buglio, pescato da Mignanelli dalla sinistra, ma il colpo di testa finisce alto di un soffio.

Juve Stabia, serata stregata: Candellone sbaglia troppo

Sarà questa l’azione che aprirà la partita, molto più vivace dopo l’intervallo. L’ingresso di Bentivegna dà più imprevedibilità all’attacco della Juve Stabia, mentre in casa Foggia l’uscita di Vacca (ammonito) per Schenetti toglie filtro al centrocampo. Di vere occasioni da rete però se ne vedono poche, perché i Satanelli fanno muro davanti alla propria area e la partita diventa spezzettata. Le emozioni arrivano allora tutte nel finale: al 32’ il Foggia si divoria il vantaggio con Tonin, che si fa stregare dall’ex Thiam e per i rossoneri la punizione potrebbe arrivare subito, ma Candellone è in serata no e sbaglia due occasioni d’oro a tu per tu con Nobile sprecando gli assist di Mignanelli e Bentivegna. Poi il portiere del Foggia si oppone a un tiro dalla distanza di Gerbo e per la Juve Stabia si capisce che non è serata.

Leggi anche:  Serie A, probabili formazioni Torino-Milan: le scelte di Juric e Pioli

Juve Stabia-Foggia 0-0, il tabellino

Juve Stabia (4-3-1-2): Thiam; Baldi, Bachini, Bellich, Mignanelli; Buglio (81’ Marranzino), Leone, Romeo (81’ Gerbo); Piovanello (46’ Bentivegna, 92’ Rovaglia); Piscopo (92’ Erradi), Candellone. All.: G. Pagliuca

Foggia (3-5-2): Nobile; Carillo, Riccardi, Di Noia (46’ Rossi); Garattoni, Odjer (46’ Salines), Martini, Vacca (48’ Schenetti), Vezzoni (88’ Fiorini); Tonin, Embalo (69’ Tounkara). All.: M. Cudini

Arbitro: Mastrodomenico (Matera)

Ammoniti: Vacca, Buglio, Tonin, Romeo, Tounkara, Vezzoni e Garattoni