Intervista esclusiva a Massimo Agostini: “Il Milan è più forte della Juve, Garcia ha più colpe di Mazzarri. Complimenti a Pecchia”

Il Condor Agostini ci ha parlato in maniera molto diretta e senza fronzoli di diversi argomenti. In particolare della Roma di De Rossi e Mourinho, del Napoli di Mazzarri e Garcia, del Milan e della Juve, del Parma di Pecchia e della Fiorentina di Italiano.

Nelle ultime ore abbiamo avuto il piacere d’intervistare, in esclusiva, Massimo Agostini, ex bomber del calcio italiano (soprannominato il Condor) ed oggi dirigente del Cesena, squadra con la quale è stato protagonista per diversi anni anche come calciatore.

Con lui abbiamo analizzato molti dei temi principali della nostra Serie A e B, in particolare sulla gestione degli allenatori.

Ciao Massimo e ben ritrovato. Ti faccio subito una domanda da un milione di dollari: la Roma ha fatto male ad esonerare Mourinho o ha fatto male perché lo ha esonerato troppo tardi?

Magari potessimo sapere prima le cose, io dico solo che De Rossi sta allenando bene e che in campo c’è molta meno confusione di prima.

Leggi anche:  Serie A, Udinese-Roma: formazioni ufficiali. Le scelte di Cioffi e De Rossi. Gli indisponibili della gara e i precedenti

Bisogna, però, aspettare la fine della stagione per scoprire dove è in grado di portare la Roma e per poter affermare se la decisione di allontanare lo Special One sia stata giusta o meno. Mancano ancora troppe partite, 13 per l’esattezza.

Ad oggi, di certo, non si può dire che sia stata una cattiva idea quella di puntare sull’ex Capitan Futuro.

Mazzarri è vicino all’esonero (ufficializzato dopo l'intervista, ndr): forse Garcia è stato mandato via con troppa velocità e leggerezza?

No, per me hanno aspettato anche troppo, doveva essere mandato via prima il francese.

Ma Mazzarri ha una media punti nettamente più bassa rispetto a quella di Rudi Garcia…

La situazione che si è trovato a gestire, però, non è stata affatto facile. Garcia doveva essere mandato via prima, per dare tempo al subentrante di poter far maggiormente sua la squadra. La decisione di mandarlo via era già stata covata prima e doveva quindi essere realizzata in precedenza.

Leggi anche:  Fiorentina-Genoa: le ultime sulla formazione di Italiano

Solo Mazzarri ha accettato un contratto così breve tra quelli interpellati da De Laurentiis. Ma la colpa maggiore della stagione storta del Napoli è di Rudi Garcia, non di Mazzarri.

A fine Campionato vedi più il Milan o la Juve dietro all’Inter e perché?

Senza dubbio il Milan, che già a Monza poteva effettuare il sorpasso.

I rossoneri hanno dimostrato negli ultimi anni di essere più abituati a stare davanti, rispetto alla Juventus. Hanno come rosa qualcosa in più in fatto di qualità, anzi, per me sono più forti in tutto.  

Ci avviciniamo alla "tua" Cesena per parlare del Parma, che ha già un piede e mezzo in Serie A. Ci dici due parole sulla loro cavalcata fin qui?

Non hanno ancora vinto il Campionato di B ma credo che riusciranno nell’impresa, visti i risultati brillanti fin qui ottenuti. Grande merito ce l’ha Fabio Pecchia, che in Serie B è una certezza come allenatore e lo ha già dimostrato molte volte.

Leggi anche:  Intervista esclusiva a Luca Calamai: “De Rossi resta alla Roma, ma la Viola non molla. Marotta è un genio, su Pioli dico che…”

Chiudiamo col tracollo della Fiorentina di Italiano, che sembrava addirittura pronta a lottare fino in fondo per un posto di Champions League e che ora, invece, rischia di occupare una posizione del tutto anonima in Campionato. Era stato osannato eccessivamente e troppo presto, oppure le colpe maggiori sono della società che non ha saputo rinforzare adeguatamente la squadra nelle ultime due sessioni di calciomercato?

Quello che sta passando Italiano è un momento di difficoltà che subiscono tutti gli allenatori. Quando una squadra sbaglia un numero importante di partite, la colpa viene data automaticamente al tecnico. Fa parte del bagaglio di esperienze di ogni mister. È, per così dire, naturale.

Dal mio punto di vista, però, Italiano è un buonissimo allenatore; evidentemente, la Fiorentina vale la classifica che occupa oggi.