Champions League, Valencia-Juventus 0-2: bianconeri irrefrenabili anche in dieci

Pubblicato il autore: Lorenzo C Segui

Foto originale Getty Images © selezionata da SuperNews

La Juventus ha dimostrato di essere una tra le squadre più titolate ad alzare al cielo, il prossimo 1 giugno 2019, la coppa dalle grandi orecchie. Il Valencia non rappresenta, di certo, la cartina da tornasole per testare le qualità e le ambizioni della Vecchia Signora, ma quanto dimostrato dalla banda di Allegri lascia ben sperare in ottica futura. Vincere per 0-2 al “Mestalla” non è un gioco da ragazzi, nonostante la compagine di casa sia solamente diciassettesima nella Liga spagnola dopo aver inanellato tre pareggi ed una sconfitta dopo quattro gare di campionato, e non lo è ancor di più se tale successo sia avvenuto con la squadra in inferiorità numerica a causa di un’espulsione, decisamente discutibile, decretata dall’arbitro tedesco Brych, su segnalazione del suo assistente, per una presunta irregolarità di Cristiano Ronaldo su Murillo. Juventus senza la sua stella, senza l’uomo della Champions, il cinque volte Pallone d’Oro.

Tutto lasciava presagire ad una serata amara, ed invece i campioni d’Italia in carica non si sono affatto lasciati travolgere dallo sconforto e dall’ansia, piuttosto hanno riordinato le idee ed hanno proseguito nel martellare gioco, costruendo occasioni per andare a segno. Il match winner della serata è stato Miralem Pjanic, in grado di siglare una doppietta, con entrambi i gol su calcio di rigore, evidenziando carattere e freddezza.

Nel corso della gara la Juventus ha rischiato ben poco, anche nella ripresa, quando dopo aver raddoppiato al 51′ si è preoccupata maggiormente di difendere il risultato, invece di continuare a macinare gioco nei sedici metri avversari. I bianconeri si sono coperti con ordine e mister Allegri ha dimostrato uno spiccato acume nel gestire al meglio una situazione non propriamente facile.

Da segnalare, altresì, l’infortunio occorso alla caviglia a Douglas Costa, subentrato al 67′ al posto di Pjanic. Il brasiliano ha chiuso, così, una settimana davvero infausta dopo l’espulsione ricevuta domenica contro il Sassuolo per essersi reso protagonista, suo malgrado, di uno sputo nei riguardi di Di Francesco. Dulcis in fundo applausi anche per Szczesny che al 90′ ha blindato la porta bianconera, respingendo un penalty alquanto generoso, concesso a favore del Valencia, calciato da Parejo. La Vecchia Signora torna dalla Spagna con tre punti in tasca, tanto entusiasmo, un’elevata autostima e la consapevolezza di poter dominare il proprio girone, per poi gettare lo sguardo ancor più avanti.

Intervistato al termine del match, queste le dichiarazioni principali rilasciate da un soddisfatto Massimiliano Allegri:” I ragazzi sono stati molto bravi. Fino al momento dell’espulsione di Cristiano Ronaldo abbiamo avuto diverse occasioni, il vantaggio è stato meritato. Sul 2-0 abbiamo concesso qualcosa, ma è normale. Quando c’è stato da giocare abbiamo giocato, l’unica cosa che dovevamo fare meglio era avere più pazienza. L’espulsione di Ronaldo ha fatto salire ancora di più l’attenzione“. Tornando proprio sull’espulsione inflitta a CR7, questo il pensiero del tecnico juventino:” In questi casi la VAR aiuterebbe. Dispiace perché ora lo perderemo per qualche partita e invece con la VAR si sarebbe visto che non era da espulsione. Speriamo di non perderlo per molto“.

  •   
  •  
  •  
  •