Il Napoli tiene testa al Paris Saint-Germain. Ottavi di Champions sempre più vicini

Pubblicato il autore: Lorenzo C Segui

Lorenzo Insigne – Foto Getty Images© selezionata da SuperNews

Il Napoli di Carlo Ancelotti ha dimostrato di possedere tutte le carte in regola per competere ad armi pari con le corazzate europee. Il pareggio per 1-1 rimediato, ieri sera, dinanzi ad un “San Paolo” rivestito a festa, ha messo in mostra la verve, l’intraprendenza, la cattiveria agonistica e la sfrontatezza della compagine partenopea, composta da elementi che mixano alla perfezione quantità, qualità e talento.

Dopo un primo tempo non particolarmente brillante, conclusosi con i transalpini in vantaggio grazie al gol messo a segno, al 47′, da Bernat, abile nel capitalizzare al meglio un assist di Mbappé, approfittando, tra l’altro, della dormita generale della retroguardia azzurra, è nella ripresa che Insigne e compagni hanno mostrato gli artigli. I venti minuti iniziali del secondo tempo hanno messo in luce la spinta propulsiva del Napoli, che ha sfiorato ripetutamente il pari due volte con Mertens, una con Callejon e Fabian Ruiz, episodi che non si sono concretizzati in gol per via di un pizzico di sfortuna e per l’eccelsa bravura di Gianluigi Buffon.

Leggi anche:  Il PSG rilancia per Hakimi!

Al 62′, poi, l’arbitro olandese Kuipers non si è potuto esimere dal decretare il penalty a favore della banda guidata da Carlo Ancelotti a causa del doppio intervento falloso di Thiago Silva e Buffon ai danni di Callejon. Dagli undici metri si è presentato Insigne che con freddezza e precisione chirurgica non ha fallito l’appuntamento per ristabilire la parità. Il resto della gara, poi, ha evidenziato il tentativo da parte del Psg di tornare in vantaggio ma ha dovuto fare i conti con la compattezza difensiva del Napoli, in cui giganteggia il monumentale Koulibaly, impeccabile nell’arginare la pericolosità della stella Mbappé.

Al triplice fischio finale serpeggia gioia e soddisfazione nel clan azzurro. Il Napoli con il pareggio di ieri e la concomitante sconfitta del Liverpool, per 2-0, in casa della Stella Rossa, aggancia i Reds in testa al gruppo C, con 6 punti all’attivo, segue il Paris Saint-Germain a 5, chiude la Stella Rossa a quota 4. Girone che sulla carta prevedeva il dominio da parte delle compagini allenate da Klopp e Tuchel, si ritrova, invece, a dover ancora decretare chi potrà accedere agli ottavi di finale, con tutte e quattro le squadre in piena lotta a 180 minuti dal termine della fase ad eliminazione diretta.

Leggi anche:  Il PSG rilancia per Hakimi!

Il cammino dei partenopei prevede il confronto, al “San Paolo“, con i serbi della Stella Rossa, il prossimo 28 novembre, per poi volare in Inghilettera, l’11 dicembre, ad “Anfield Road“, contro il Liverpool, sperando che nel frattempo Salah e compagni riescano ad espugnare il “Parco dei Principi“, scongiurando, così che il duello nella tana dei Reds abbia il sapore da dentro o fuori.

Il Napoli ha palesato una rinnovata mentalità europea, un’organizzazione di gioco a tratti impeccabile, merito del suo mentore Carlo Ancelotti, il quale può far leva sulle qualità e sulla costanza di rendimento di molti interpreti, tra cui spiccano Koulibaly, Allan e Insigne. Il resto del girone è avvisato, i partenopei hanno messo nel mirino l’accesso agli ottavi e non hanno nessuna intenzione di fare sconti.

  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: ,