Champions League, Atalanta-Shakhtar 1-2: Gara casalinga amara, Dea beffata allo scadere

Pubblicato il autore: Davide Corradini Segui


Champions League, Atalanta-Shakhtar 1-2: Gara casalinga amara, Dea beffata allo scadere. Nonostante la tante occasioni create, l’Atalanta viene sconfitta in rimonta dallo Shakhatr a San Siro: sblocca Zapata, poi gol di Moraes e Solomon al 95′.

Atalanta-Shakhtar 1-2, la cronaca del match

Beffa atroce per l’Atalanta, che al termine di una grande partita e dopo tante occasioni create si vede rimontare all’ultimo secondo dallo Shakhtar nella prima partita casalinga in Champions League. In un San Siro tinto di totalmente nerazzurro, l’Atalanta parte con un approccio totalmente diverso rispetto a quello avuto contro la Dinamo Zagabria e mette subito in difficoltà lo Shakhtar giocando in velocità. Ilicic e Gomez appaiono subito ispirati ed è proprio grazie a una splendida combinazione tra loro che scaturisce il calcio di rigore in favore della Dea. Ilicic viene atterrato in area dopo una finta e l’arbitro assegna il penalty dopo un rapido consulto con il VAR.

Sul dischetto si presenta a sorpresa proprio lo sloveno (e non Zapata) ma il suo sinistro a incrociare viene intuito e parato da Pyatov. L’Atalanta comunque non si fa abbattere dall’errore e intorno alla mezz’ora sblocca il match con Zapata, che approfitta dell’errore in uscita del portiere per infilare il pallone di testa a porta vuota sul cross di Hateboer. I bergamaschi sembrano in totale controllo del match, tuttavia nel finale di primo tempo gli ospiti salgono d’intensità e prima dell’intervallo stesso riescono a trovare il pareggio con Junior Moraes, bravo a scattare sul filo del fuorigioco e a saltare Gollini in uscita. Poco dopo lo Shakhtar avrebbe addirittura l’occasione di portarsi in vantaggio con Marlos, la cui punizione si stampa sulla traversa.
Nella ripresa i ritmi si abbassano, con l’Atalanta che va a folate. Zapata ha due grosse occasioni, ma prima manca la porta da pochi metri su cross basso di Gomez e poi tira addosso a Pyatov che si era lanciato in uscita bassa per chiudere lo specchio. Gasperini si gioca la carta Muriel, con De Roon che scala nei tre centrali, ed è proprio il colombiano ad avere un’altra chance con una conclusione in area di rigore che viene murata da un difensore ucraino. Nel finale la Dea crea altre grandi occasioni con Malinovskyi e il Papu Gomez, ma al 95′ minuto un contropiede degli ucraini coglie impreparata la difesa bergamasca, che viene trafitta dal goal di Solomon in quella che si trasforma nella più atroce delle beffe.

Il tabellino

ATALANTA-SHAKHTAR DONETSK 1-2

MARCATORI
: 28′ Zapata (A), 41′ Moraes (S), 95′ Solomon (S)

Arbitro: Stieler (GER)

Ammoniti: Malinovskyi, Toloi, De Roon, Ilicic (A), Bolbat, Moraes, Stepanenko, Kryvtsov (S)

Espulsi: nessuno

  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: