A CINQUE ANNI DALLA FINALE DI BERLINO, PADOIN RIVELA: FUMMO OBBLIGATI…

Pubblicato il autore: Desiree Capozio Segui

Monaco, Monte Carlo – August 29, 2019: UEFA Champions League Group Stage Draw and Player of the Year Awards, Season Kick Off 2019-2020 Atmosphere with Trophy | usage worldwide

 

I tifosi bianconeri lo ricorderanno meglio di altri, il 6 Giungo segna uno degli anniversari più dolorosi dell’ultimo decennio per il club bianconero: 5 anni fa, infatti, la Juventus perdeva la finale di Berlino contro il Barcellona.

Una partita in cui su l’1 a 1 di Morata si è sfiorata l’impresa, in cui si è pensato di poter sfatare la maledizione della Coppa dalle Grandi Orecchie, in cui si è creduto di poter finire nel modo migliore la stagione.
Una stagione eccezionale, che fuori da ogni aspettativa  ha visto la Juventus cavalcare l’onda Champions e arrivare proprio lì, nella capitale tedesca, a giocarsi il tutto per tutto.

Una partita vissuta e preparata in maniera particolare dall’allora tecnico Massimiliano Allegri e la squadra, come racconta uno dei protagonisti, Simone Padoin:

«Al di là di come è andata a finire, ho ricordi meravigliosi. Noi con Allegri eravamo soliti non fare la rifinitura, andavamo solo a vedere il campo. Quella volta fummo obbligati e fu un’esperienza esaltante.Poi la partita è andata come andata, peccato perché sull’1-1 ci potevamo credere. Il cammino era stato fantastico, ci è dispiaciuto per i tifosi, ma il Barcellona aveva dei giocatori incredibili. Alla Juve aspettano da tanti anni questo trofeo».

Una partita, la finale di Berlino, che i tifosi ricordano bene anche perchè l’ultima in bianconero di campioni del calibro di Pirlo, Tevez e Vidal.

 

  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: