Milan-Arsenal, sfida affascinante per Gattuso in Europa League. Aubameyang non ci sarà

Pubblicato il autore: Antonio Guarini Segui
MILAN, ITALY - JANUARY 06: AC Milan coach Gennaro Gattuso issues instructions to his players during the serie A match between AC Milan and FC Crotone at Stadio Giuseppe Meazza on January 6, 2018 in Milan, Italy. (Photo by Marco Luzzani/Getty Images)

(Photo by Marco Luzzani/Getty Images scelta da Supernews)

Milan-Arsenal, sapore di Champions League per i rossoneri. Sarà solo un ottavo di Europa League ma evoca dolci ricordi per match ben più importanti. I rossoneri nell’urna di Nyon pescano uno dei peggiori avversari possibili: l’Arsenal di Arsene Wenger. Match di andata San Siro l‘8 marzo, ritorno il 15 marzo all’Emirates Stadium. Gattuso non può certo sorridere, ma al sorteggio non ci si può opporre. I londinesi non stanno certo vivendo il miglior momento della loro storia, ma restano un avversario complicato da affrontare. I Gunners sono attualmente al sesto posto in Premier League, lontani anni luce dalla vetta. In Europa League hanno faticato nell’ultimo turno contro o i modesti svedesi dell’Ostersunds. Vittoria agevole in Svezia per 3-0, poi perdere 2-1 al ritorno a Londra. Milan-Arsenal evoca ricorda contrastanti per i tifosi rossoneri.

Leggi anche:  Europa League 2020/21, le probabili formazioni della quarta giornata e statistiche

Il Milan nella sua storia ha conquistato un trofeo internazionale contro l’Arsenal, la Supercoppa Europea. Stagione 1994/1995. I rossoneri di Fabio Capello pareggiano per 0-0 nel vecchio Highbury per vincere poi 2-0 a San Siro con gol di Boban e Massaro. In Champions League, nella stagione 2007-2008, rossoneri e Gunners si affrontano negli ottavi di finale. 0-0 all’andata e 2-0 per gli inglesi al ritorno a San Siro. Quella sconfitta segnò forse la fine della storia europea del Milan di Ancelotti. Nel 2011-2012 altro rendez vous in Champions League, sempre negli ottavi di finale. Gli uomini di Max Allegri dominano a San Siro, vincendo per 4-0. A. Il ritorno è una specie di incubo. I Gunners vincono per 3-0 a fine primo tempo, Ibrahimovic e Allegri litigano pesantemente negli spogliatoi. Abbiati salva tutto e i rossoneri vanno avanti. Milan-Arsenal, l’8 marzo la prossima puntata.

Leggi anche:  Napoli-Reijeka, Gattuso: "Alzare l'asticella, mancano cattiveria e malizia"

Milan-Arsenal, Aybameyang non giocherà contro i rossoneri

Milan-Arsenal, i pericoli per Gattuso. Saranno Gunners un po’ spuntati quelli che affronteranno il Milan negli ottavi di Europa League. Aubameyang non può essere schierato, in quanto ha già giocato in Champions League con il Borussia Dortmund. L’altro centravanti, Lacazette è fermo per infortunio. L’ex Lione potrebbe recuperare per il match di ritorno, ma questo è tutto da verificare. Wenger a gennaio ha accolto Mkhitaryan, arrivato all’Arsenal nello scambio che ha portato Alexis Sanchez al Manchester United. Un mercato invernale che ha portato lontano da Londra Giroud e Walcott, giocatori simbolo negli ultimi anni del regno di Wenger.

In Milan-Arsenal i pericoli per i rossoneri possono arrivare da Ozil. Il fantasista tedesco che ha prolungato di recente il suo contratto con i Gunners. L’ex Werder Brema è uno dei migliori numeri dieci in circolazione e può risolvere le partite in qualsiasi momento. La difesa resta il tallone d’Achille della squadra di Wenger. Cech in porta non è quello di qualche anno fa, tanto che Wenger in Europa League schiera il colombiano Ospina. La coppia centrale franco-tedesca Koscielny-Mustafi non è quanto di meglio possa offrire il panorama europeo dei difensori. Anche se entrambi restano nel giro delle rispettive nazionali. Gattuso non può dirsi certamente soddisfatto del sorteggio. L’Arsenal resta una delle squadre più prestigiose d’Europa, anche se la gloria attuale non è come quelli degli anni migliori. Un po’ come il Milan. Appuntamento l‘8 marzo, luci a San Siro per l’Europa. Ancora una volta.

  •   
  •  
  •  
  •