Europa League: per l’Atalanta vietato fallire il primo round contro il Sarajevo

Pubblicato il autore: Lorenzo C Segui

Alejandro Gomez – Foto Getty Images© scelta da SuperNews

Inizia questa sera, con la speranza che possa essere il più lungo possibile, il cammino dell’Atalanta in Europa League. Gli orobici affronteranno la compagine bosniaca del Sarajevo, match d’andata valevole per il secondo turno preliminare. La Dea, durante questa prima parte di calciomercato, ha accolto alla propria corte calciatori di buon livello come Duvan Zapata e Pasalic, trattenendo le stelle Ilicic e “papu” Gomez, dovendo salutare, però, Caldara e Spinazzola, entrambi promessi sposi, già da un anno, alla Juventus, Cristante alla Roma e Petagna approdato nei giorni scorsi alla Spal. Durante la consueta conferenza stampa della vigilia, il tecnico dei bergamaschi, Gian Piero Gasperini ha invitato i suoi calciatori a mantenere alta l’attenzione, senza sottovalutare l’impegno di stasera, onde evitare brutte figure. A suo giudizio la squadra è leggermente in ritardo di condizione e tale aspetto preoccupa e non poco il tecnico di Grugliasco.

Leggi anche:  Atalanta, tre competizioni e una fame senza limiti. Entusiasmo alle stelle

Queste le sue dichiarazioni principali: “Ilicic è stato male, non c’è nemmeno Freuler. Dobbiamo pescare tra le nostre disponibilità. Pasalic ha fatto le visite oggi e ovviamente non ci sarà. Resta un elemento importante giunto a completamento del nostro organico: lamentavamo tre partenze di spessore e adesso almeno numericamente siamo a posto. Siamo ancora qua per entrare a far parte dell’Europa che conta, non ci sentiamo declassati per doverci guadagnare i gironi. L’unico vero problema è che a parte la buona amichevole di sabato scorso con l’Herta Berlino abbiamo davvero giocato poco: la prima partita di coppa è sempre un’incognita“.

Al suo fianco il “papuGomez, il quale ha parlato così: “Confermarsi non sarà facile ma dopo due anni con il mister la squadra gioca a memoria e aiuta gli inserimenti degli ultimi arrivati. Io cerco di dare qualità, non voglio tornare all’Atalanta dei vecchi tempi, quando sono arrivato io, che lottava solo per la salvezza. Per me essere decisivo significa segnare o fare assist o giocate al servizio dei compagni. Nel gruppo è rimasto il rammarico dei sedicesimi di finale persi con il Borussia Dortmund“.

Leggi anche:  Atalanta-Lazio, i tifosi nerazzurri salutano Papu Gomez: "Bella favola, peccato per il finale"

Spostando l’attenzione sui possibili schieramenti in campo, Gasperini dovrebbe affidarsi al 3-4-3 con Berisha in porta, linea di difesa a tre composta da Toloi, Masiello e Palomino. Lungo le corsie esterne fiducia a Castagne e Gosens, mentre la mediana sarà presidiata da De Roon e Valzania. In avanti D’Alessandro e Gomez agiranno ai lati della punta centrale Barrow. Il Sarajevo allenato da Musemic risponderà con un 4-2-3-1 con Pavlovic in porta, Hebibovic e Pidro esterni di difesa, centralmente spazio al duo Adukor-Mujakic. La mediana sarà occupata da Mustafic e Rahmanovic, mentre sulla trequarti Sisic, Velkoski e Halilovic si muoveranno alle spalle della punta centrale Ahmetovic. Il Sarajevo è giunto a quest’appuntamento dopo aver superato nel turno precedente gli armeni del Banants Yerevan. L’arbitro del match che si disputerà presso il “Mapei Stadium” di Reggio Emilia, teatro delle gare europee dell’Atalanta,  è l’ungherese Tamas Bognar, mentre il  fischio d’inizio è previsto alle ore 20:30,

  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: