L’allenatore dello Shakhtar avvisa l’Inter: “Vogliamo la finale. Non abbiamo paura di nessuno”

Pubblicato il autore: Alessandro Pallotta Segui

L’Inter di Antonio Conte, dopo aver superato l’ostacolo Bayer Leverkusen, si troverà ad affrontare nelle semifinali di Europa League lo Shakhtar Donetsk con l’obbiettivo di raggiungere la finale che è in programma Venerdi 21 Agosto al RheinEnergieStadion di Colonia.
Obbiettivo non facile da raggiungere per i ‘nerazzurri’ in quanto la squadra ucraina, dopo essere stata eliminata ai gironi di Champions League dall’Atalanta, in Europa League ha battuto avversarie di livello come il Benfica (2-1 all’andata e 3-3 al ritorno), Wolfsburg (1-2 all’andata e 3-0 al ritorno) e per ultimo Basilea (4-1 in partita secca), meritando pienamente di entrare tra le prime quattro squadre della competizione.

Le parole dell’allenatore dello Shakhtar

L’allenatore dello Shakhtar Donetsk, Luis Castro,  ha rilasciato delle importanti dichiarazioni attraverso i canali ufficiali del club, parlando della condizione dei suoi uomini in vista della semifinale del prossimo Lunedì: “Non siamo in difficoltà, abbiamo un piano ben preciso. Tra una gara e l’altra ci sono sei giorni per recuperare e lo stiamo facendo. Da domani inizieremo a prepararci per la partita. Nessun giocatore ha avuto problemi dopo la gara dei quarti, sono tutti pronti per la partita”.

In merito alle aspettative sul match contro l’Inter, l’allenatore dello Shakhtar ha affermato: “Non cerchiamo debolezze in una squadra di questo livello, loro cercheranno i nostri punti deboli. Quando arrivi a questo punto della competizione sai che dovrai affrontare un’avversaria completa. Sarà una partita difficile e sia noi che loro cercheremo di vincere. Entrambe le squadra hanno le carte per arrivare in finale e metteranno qualità in campo. Non mi aspetto una partita facile, siamo in semifinale”.

Sulla favorita di questa Europa League,  l’allenatore dello Shakhtar Luis Castro non ha dubbi e ha dichiarato: “Non c’è, tutte le squadre possono vincere. Tutti gli allenatori hanno le idee chiare su quale sia l’obiettivo: alzare la coppa. Dobbiamo giocare con concentrazione e dedizione, non abbiamo mai perso fuori dall’Ucraina né in Champions né in Europa League, possiamo giocare in qualsiasi stadio contro chiunque. Se lavori duro non hai paura di nessuno e i miei giocatori hanno fatto molto bene. Quando siamo usciti dalla Champions abbiamo subito pensato alla finale di Europa League e non smetteremo di farlo proprio adesso”.

  •   
  •  
  •  
  •