Conferenza stampa Gattuso alla vigilia di Napoli – AZ: “Europa League nostro obiettivo. Non faremo molto turnover”

Pubblicato il autore: Danilo De Falco Segui


È la vigilia di Napoli – AZ Alkmaar, gara d’esordio di Europa League 2020/2021. Nonostante i tanti casi di Covid-19 nella squadra olandese, domani la partita si giocherà regolarmente. Fischio d’inizio in programma alle ore 18:55 allo Stadio San Paolo.
L’allenatore del Napoli, Gennaro Gattuso, ha parlato in conferenza stampa presentando la partita contro l’AZ Alkmaar. Ecco le sue parole.

Conferenza stampa Gattuso: “Non sarà una partita semplice”

“L’Europa League è un nostro obiettivo e siamo contenti di esserci perché abbiamo fatto tanti sacrifici l’anno scorso per conquistare un posto in Europa.
Sicuramente vogliamo fare bene e ci impegneremo per superare innanzitutto il girone. 
Domani sarà un test importante, credo che impiegherò alcune forze fresche perché bisogna distribuire le energie e fare le scelte giuste”. 

“Giochiamo con una squadra per nulla semplice. Conosciamo la forza e il valore del nostro avversario e sappiamo che ci sarà da correre e faticare sia per fare risultato con l’AZ, sia per superare il girone”.

“Non credo faremo molto turnover in Europa perché dobbiamo avere sempre equilibrio. Non mi piacciono i stravolgimenti, bisogna avere una nostra solidità e fisionomia partita dopo partita”.

“Abbiamo molta scelta di uomini in tutti i reparti. Si gioca ogni tre giorni, ma noi abbiamo una rosa che può assolvere ai tanti impegni”.

“Non prediligiamo alcuna priorità di scelta, l’unico obiettivo è quello di essere competitivi su tutti i fronti e poi, restando al campionato, vogliamo riconquistare un posto in Champions League”.

“Sono consapevole e ribadisco che ho a disposizione una rosa che è “tanta roba”, ma per ottenere risultati bisogna saper lottare e non piegarsi mai anche nei momenti meno facili. Stiamo andando sulla strada giusta, però il cammino è lungo e dobbiamo migliorare continuamente”

  •   
  •  
  •  
  •  
Leggi anche:  Tardelli chiarisce: "Maradona alla Juve non sarebbe stato il genio che é diventato"