Europei 2021, rose allargate a 26. Le possibili scelte di Mancini: chance per Politano, Mancini, Di Lorenzo…

Pubblicato il autore: Marco Morgano Segui

italia europei
UEFA, ACCOLTO L’APPELLO PARTITO PROPRIO DAL CT AZZURRO: LE LISTE DEI GIOCATORI PER EURO 2021 SI ALLARGANO A 26 ELEMENTI. NUOVE OPZIONI PER MANCINI, MENO ESCLUSIONI ILLUSTRI – Tra poco più di un mese, sul prato dell’Olimpico di Roma, prenderà finalmente il via la rassegna continentale per nazionali, EURO 2021. La competizione, rinviata di un anno per note cause, ospiterà, auspicabilmente in massima sicurezza, migliaia di tifosi nelle ridotte tribune dei suoi importanti stadi cercando di riportare normalità pur tutelando la salute dei cittadini europei. Con la stessa finalità, la massima autorità del calcio continentale è intervenuta con alcuni accorgimenti sul piano tecnico per salvaguardare il livello agonistico ed il benessere degli atleti e dello staff delle 24 nazionali partecipanti. Tra queste figurano l’introduzione dell’ormai canonico quinto cambio per i tempi regolamentari ma anche l’ampliamento del numero degli slot disponibili nelle liste dei giocatori diramata dai ct, passati da 23 a 26.

Le novità, inoltre, riguardano la possibilità di sostituire un portiere a campionato in corso ma prevedono anche l’obbligo di estromettere almeno tre elementi, da relegare in tribuna, per ogni gara da disputare, al fine di riportare a 23 il numero di calciatori per singolo impegno. L’introduzione di questa modifica, caldeggiata proprio dal tecnico jesino, consente alla nostra nazionale di non lasciare a casa preziosi elementi, precisamente uno per ruolo.Ecco le scelte di Mancini nella compilazione della lista da consegnare alla UEFA entro il 1 giugno prossimo. Di seguito il comunicato ufficiale della UEFA sui suoi canali telematici ufficiali:

Le possibili scelte di Mancini per gli Europei: l’analisi ruolo per ruolo

I portieri (3)

Tra i pali non c’è dubbio, ci sarà la giovane certezza Gigio Donnarumma (22 anni, Milan) mentre il sostituto-chioccia sarà l’esperto Sirigu (34, Torino), invece, concorrono a completare il reparto, una schiera di giovani portieri composta da Meret (24, Napoli), in leggero vantaggio su gli altri, Cragno (26, Cagliari), Gollini (26, Atalanta) e, cui si può aggregare, Silvestri (30, Verona) mentre paiono lontani dal ballottaggio Consigli (34, Sassuolo) e Perin (28, Genoa).

Leggi anche:  Classifica marcatori Europei, al via la seconda giornata: Immobile e Locatelli volano in testa

Difensori centrali (5)

Per il ruolo di centrali del reparto arretrato il c.t. potrà selezionare solamente 4 elementi e per questi occorre valutare la precaria condizione fisica degli esperti centrali bianconeri Bonucci (34, Juventus) e Chiellini (36, Juventus). Certo del posto c’è l’ormai certezza Acerbi (33, Lazio) e, grazie all’exploit tricolore, anche Alessandro Bastoni sembra essere avanti per la sua capacità di svecchiare il reparto (ha 22 anni) e di apportare carisma (ha vinto da protagonista con l’Inter di Conte). Per sopperire ad eventuali forfait uno dei posti extra potrà essere sfruttato in questo ruolo in favore di Alessio Romagnoli (26, Milan) ma potrebbe agguantare un posto anche il completo Mancini (25, Roma). Rimangono, invece, sullo sfondo i profili di Armando Izzo (29, Torino), Angelo Ogbonna (32, West Ham) e Daniele Rugani (26, Cagliari).

Terzini (5)

L’argomento terzini, invece, è vastissimo perché, attualmente, il repertorio in questo ruolo comprende una dozzina di giocatori ma, a meno di stravolgimenti, dovrebbe verificarsi una predominanza di giocatori con un passato o un presente nella Capitale all’interno della lista finale. Infatti pare sicuro della fiducia del mister, l’ormai veterano azzurro, Alessandro Florenzi (30, PSG) e con lui saranno probabilmente iscritti anche i nomi di Leonardo Spinazzola (28, Roma), Emerson Palmieri (26, Chelsea) e, l’ormai colonna, Lazzari (27, Lazio). Dietro l’ex-spallino rivaleggiano per un posto anche profili a lui similari, quali quelli di Di Lorenzo (27, Napoli), ad oggi favorito, e di Biraghi (28, Fiorentina) ma anche altri, più predisposti difensivamente, come il super-jolly Calabria (24, Milan). Menzione d’onore per due simboli dell’Inter scudettata, Matteo Darmian (31) e Danilo D’Ambrosio (32), che potrebbero apportare la propria preziosa esperienza alla truppa azzurra. Quasi impossibile per Criscito (34, Genoa) e De Sciglio (O. Lione), giungere alla rassegna continentale.

Leggi anche:  Euro 2020, dove vedere Spagna-Polonia: streaming e diretta tv in chiaro?

Centrocampisti (5)

Più delineata è la questione della mediana che, se finalmente vedrà tutti presenti, sarà monopolizzata dall’autorevole terzetto costituito da Verratti (28, PSG), Jorginho (29, Chelsea) e Barella (24, Inter). Subito dietro di loro Locatelli (23, Sassuolo), unico regista puro della spedizione, ed il fragile gioiello Sensi (25, Inter), figurerebbero come i prescelti per ultimare il compartimento. Rimangono alla porta alcune rivelazioni e promesse future come Castrovilli (23, Fiorentina),  Zaccagni (25, H. Verona), Pessina (23, Atalanta) e Mandragora (23, Torino) così come Soriano (30 anni, Bologna).

Esterni e Trequartisti (5)

Proseguendo notiamo quanto, in questa nazionale, il confine tra centrocampo e attacco sia molto lieve in quanto giocatori come il tesoro romanista di centrocampo Pellegrini (24), se in condizione, possa trovare spazio anche sulla trequarti, formalmente nel ruolo di esterni di attacco, dove, però la concorrenza con i profili di “ruolo” è ardua da battere. Infatti sulle corsie d’attacco, oltre a tale Lorenzo Insigne (29, Napoli), certo del posto, e gli esterni Chiesa (23, Juventus) e Berardi (26, Sassuolo), salirò sul bus della federazione soltanto uno tra i pupilli Bernardeschi (26, Juventus), El Shaarawy (28, Roma) e Politano (27, Napoli) apprezzati dal tecnico e disposti a tutto per la maglia azzurra ma, di fatto, un gradino dietro gli altri pretendenti. Proprio l’esterno napoletano, Matteo Politano, però, potrebbe ereditare il posto dell’indisponibile Zaniolo e chiudere il reparto. Se tutti i sopraccitati dovessero risultare disponibili appare proibitiva la sfida per Riccardo Orsolini (23, Bologna) e Vincenzo Grifo (27, Friburgo). Diverso il caso di Moise Kean (20, PSG) che, comprimario nel grande PSG, potrebbe scalare le gerarchie del gruppo , vista la sua capacità di agire sia nel ruolo di esterno che in quello di prima punta.

Leggi anche:  Croazia-Repubblica Ceca streaming e diretta tv Rai o Sky? Dove vedere Euro 2020

Attaccanti (3)

Completiamo il percorso giungendo a quello che, per i più, rappresenta la nota dolente della rosa: l’attacco nella sua fase realizzativa. La carestia di gol è senza dubbio una problematica eppure la situazione nel reparto delle prime punte, almeno per quanto riguarda lo step di selezione, appare tra le meno intricate. Del resto sono certi del posto gli highlander Belotti (27, Torino) e Immobile (31, Lazio) ai quali semplicemente si aggregherà, come preventivato, il versatile Moise Kean. Gli altri pretendenti sono i realizzatori Lasagna (28, Udinese), Caputo (33, Sassuolo) e Destro (29, Genoa).

Italia agli Europei, i probabili 26 nomi

Dunque ammesso il caso ipotetico ed ideale della disponibilità, da parte del c.t. Mancini, della totalità degli elementi presenti suoi taccuini e risolti i ballottaggi, questa è, ad oggi, con buona stima la lista di giocatori che lo staff della Nazionale italiana presenterà per EURO 2021:
Portieri: Donnarumma, Meret, Sirigu
Difensori: Acerbi, Bastoni, Bonucci, Chiellini, Di Lorenzo, E. Palmieri, Florenzi, Lazzari, Mancini, Spinazzola
Centrocampisti: Barella, Jorginho, Locatelli, Pellegrini, Sensi, Verratti
Attaccanti: Belotti, Berardi, Chiesa, Immobile, Insigne, Kean, Politano

Formazione Nazionale
: Donnarumma, Florenzi, Acerbi, Bonucci, Spinazzola, Verratti, Jorginho, Barella, Chiesa, Belotti, Insigne

  •   
  •  
  •  
  •