Mondiali 2018 in Tv: Mediaset a un passo dai diritti, lo conferma Pier Silvio Berlusconi

Pubblicato il autore: Adriana Zuccarini Segui

Stando alle prime indiscrezione Mediaset si è ufficialmente aggiudicata i diritti dei Mondiali di Russia 2018 su qualsiasi piattaforma per circa 40 milioni, cifra molto bassa mancando l’Italia, meno della metà rispetto a quanto investito dalla Rai per i Mondiali di Brasile 2014 (si parla comunque di circa 20 milioni di Euro in più rispetto a quanto preventivato inizialmente).

«Senza l’Italia, spiace dirlo, le cifre sono più abbordabili. E con i diritti in esclusiva per tutte le piattaforme siamo sicuri che l’operazione sarebbe profittevole. Abbiamo fatto un’offerta razionale. Per Mediaset avere i Mondiali sarebbe un evento storico, oltretutto per la prima volta totalmente gratuito per il pubblico. Incrociamo le dita. – ha spiegato PierSilvio Berlusconi – In Italia ci sono più canali gratuiti che in tutti gli altri Paesi d’Europa, la concorrenza televisiva è letteralmente esplosa, mentre il mercato pubblicitario dall’inizio della crisi è crollato ed è passato da 10 miliardi di euro a poco più di 6. Ci sono tante, forse troppe reti ma la vera tv generalista rimane insostituibile e la sua capacità attrattiva verso il pubblico e gli investitori pubblicitari non morirà mai». 

Per quanto riguarda le altre big, Sky, ha investito in modo importante su Champions ed Europa League del prossimo triennio e potrebbe pertanto fare a meno dei mondiali, che inoltre, senza azzurri, servono poco come abbonati ma possono portare pubblicità e coprire il palinsesto estivo del 2018. Per questo stanno trattando con Mediaset che potrebbe dare le principali partite in chiaro, lasciandone una parte alla pay-tv. Inoltre le due emittenti sono anche interessate a non farsi la guerra sui diritti tv della serie A e il Mondiale potrebbe rientrare in questo accordo.
La Rai per la prima volta esce fuori dai diritti su una rassegna calcistica così importante, complice forse la mancata qualificazione dell’Italia e la prudenza manifestata dal direttore generale della Rai, Mario Orfeo, che ha fatto sapere che la tv pubblica, pur rimanendo interessata alla competizione non investirà cifre folli. La società di Viale Mazzini avrebbe infatti fatto sapere di essere disponibile ad effettuare un ultimo rilancio, l’ultimo, dopo di che abbandoneranno le trattative.
I giornalisti di Rai Sport sarebbero sul piede di guerra, ed avrebbero manifestato le loro intenzioni di scioperare il 23 o 30 Dicembre.
«La perdita del Mondiale, da sempre associato al servizio pubblico, sarebbe una perdita di immagine per la Rai» avrebbe commentato uno dei giornalisti Rai, che ha anche espresso preoccupazioni anche per i diritti tv della Formula 1.

Leggi anche:  Sky, Eleven Sports o Rai Sport? Dove vedere Juve Stabia Casertana in tv e in streaming

Come sarà quindi il Mondiale targato Mediaset?
Sicuramente le partite andranno in chiaro, visibili a tutti, sui tre canali principali (Canale 5, Italia 1 e Retequattro). Premium, la pay-tv, sarebbe invece tagliata fuori dalle dirette ma verrebbe comunque impegnata nella cronaca e nelle interviste.

Intanto dalla Spagna arriva l’ufficialità che il pacchetto ‘Russia 2018’ è stato acquisito in via esclusiva da Mediaset Espana.
L’accordo, riportato dai media spagnoli, prevede la trasmissione delle 64 partite del torneo.
«Avere ancora una volta uno dei contenuti più apprezzati dalla televisione in tutto il mondo è la migliore notizia che possiamo dare al nostro pubblico e che ci ha accompagnato incondizionatamente per quasi 10 anni in questi eventi sportivi di alto livello – ha spiegato Manuel Villanueva, direttore generale dei contenuti di Mediaset Espana, secondo quanto riportato da ‘Marca’ – Lanceremo tutti i nostri network per sostenere la nostra nazionale e il calcio di qualità, così da offrire la migliore offerta possibile».

  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: