Mondiali 2018, Heung-Min Son in lacrime: servizio militare in caso di eliminazione

Pubblicato il autore: Giovanni Esposito Segui
DAEGU, South Korea - MAY 28: South Korean team pose during the international friendly match between South Korea and Honduras at Daegu World Cup Stadium on May 28, 2018 in Daegu, South Korea. (Photo by Chung Sung-Jun/Getty Images)

Foto Getty Images© selezionata da SuperNews

La sconfitta contro Messico e Svezia mette sul filo la Corea che dovrà cercare un’impresa contro la Germania per qualificarsi agli ottavi: se non dovesse passare il turno Son rischia di dover fare il servizio militare.

Serve un’impresa. Per la Corea il Mondiale non sta andando nel migliore dei modi: capitata in un girone di ferro insieme a Svezia, Germania e Messico la squadra coreana ha collezionato due sconfitte e dovrà tentare l’impresa contro la Germania che, dopo la sconfitta contro il Messico e la vittoria al foto-finish contro la Svezia, ha bisogno dei 3 punti per accedere agli ottavi del Mondiale. La sconfitta contro il Messico, però, ha sollevato parecchi malumori intorno allo spogliatoio coreano specialmente per la stella del Tottenham Heung-Min Son che, al termine della partita, è scoppiato in lacrime nonostante il gran gol messo a segno proprio nella sfida contro i messicani che non ha evitato alla sua nazione la sconfitta. Dietro quel pianto, però, c’è una ragione specifica che potrebbe addirittura porre fine alla carriera della stella del Tottenham.

Se la Corea non passa, servizio militare per Son. L’eventuale eliminazione dal Mondiale di Russia 2018 porterebbe una conseguenza inaspettata nella vita di Heung-Min Son il calciatore più rappresentativo della Corea. Se la Corea non vince contro la Germania e non passa alla fase finale del Mondiale di Russia 2018 Son dovrebbe rientrare a Seoul per rispettare i 21 mesi di servizio militare obbligatorio unendosi alla squadra dell’esercito lo Sangjue Sangmu. Questo potrebbe succedere perchè verrebbero a decadere i meriti sportivi che, fino a questo momento, gli hanno permesso di rimandare la leva obbligatoria. Proprio per questa ragione Son, dopo la sconfitta rimediata contro il Messico per 2-1 , è scoppiato in lacrime perchè sperava di lasciare il segno nella sua nazionale evitando così la chiamata dell’esercito del suo paese. In passato, invece, la leva obbligatoria fu cancellata quando, durante il Mondiale del 2002, la Corea arrivò ai quarti di finale eliminando Spagna e Italia e ai calciatori fu permessa l’esenzione dalla leva obbligatoria.

  •   
  •  
  •  
  •