Le parole di Roberto Mancini in conferenza: “Siamo qui per vincere con il massimo rispetto per l’avversario”

Pubblicato il autore: Alessandro Pallotta Segui

Nella conferenza stampa alla vigilia del match contro la Lituania, valido per la terza giornata delle qualificazioni europee ai prossimi Mondiali, ha rilasciato delle importanti dichiarazioni sulla prossima avversaria degli ‘azzurri’ e sui possibili titolari che scenderanno in campo.

Le parole di Mancini in conferenza

Il Commissario Tecnico della Nazionale ha sottolineato l’importanza di trovare la terza vittoria consecutiva: “Chiudere a 9 punti dopo tre partite giocate sarebbe molto importante, soprattutto dopo due viaggi molto faticosi. Dovremo avere pazienza, calma, non forzare le giocate. Siamo qui per vincere con il massimo rispetto per la Lituania e il suo modo di giocare. Credo che staranno chiusi, senza darci modo di giocare. Sono una squadra fisica, che chiude molto bene. Li ho visti giocare contro la Svizzera. Chiudono e puntano sul contropiede, infatti gli svizzeri hanno vinto solo 1-0. Questo vuol dire che tutte le partite sono difficili, soprattutto se arrivano dopo altre due giocate in poco tempo. L’insidia è data anche dal campo in sintetico, dovremo abituaci con i due allenamenti che abbiamo a disposizione. Oggi e domani mattina“.

Leggi anche:  Pallanuoto: il Settebello sfida la Croazia alle ore 18:00 in diretta su HRT-HTV 2

Roberto Mancini ha inoltre rilasciato delle indicazioni sui possibili titolari della sfida contro la Lituania: “Con Toloi ci siamo conosciuti meglio in questa settimana. Ora lo vedremo in campo, per lui ci saranno delle chance. Pellegrini? Se giocherà lo farà da mezzala, alto a destra non lo vedo, almeno non dall’inizio. Bernardeschi falso centravanti può essere una possibilità, ad inizio o durante la partita. Devo valutare le condizioni di Belotti e Immobile domani mattina: in teoria quelli che sono qui sono tutti pronti per giocare, ma bisogna vedere quanto stiano bene. Compreso Insigne, che ha giocato due partite intere molto dispendiose”.

  •   
  •  
  •  
  •