Sergio Aguero: “Non so cosa farò dopo il 2021”

Pubblicato il autore: Demetrio Segui

Dalla stagione 2011/2012, nella parte azzurra della città di Manchester si godono le gesta del talento argentino Sergio Aguero. Basta solo citare il nome del Kun che la mente dei tifosi va, sicuramente, al gol segnato nel recupero di quella folle partita contro il Qpr. Quella rete per il City è valsa la vittoria del campionato nel 2012, quando l’allenatore era Roberto Mancini

Le dichiarazioni

Nei giorni scorsi il Kun ha rilasciato un’intervista al portale spagnolo, Il Chiringuito, soffermandosi, in particolare sul suo futuro: “Oggi non sto pensando a cosa farò. So che ogni giorno il mio contratto è più vicino alla scadenza. Probabilmente ci saranno alcune offerte, ma vedremo. Per ora voglio solo provare a vincere la Champions League con il City, sarebbe un risultato incredibile per me e per il club. Ma non ho davvero pensato a cosa farò dopo il 2021. Non escludo di tornare in Spagna o di andare in nessun paese. Non so cosa farò. Oggi mi sento bene e a mio agio a Manchester. Voglio fare tutto nel migliore dei modi, poi vedremo.” Chiaro il pensiero del fuoriclasse argentino, concentrato più che mai sul momento attuale che passa dal sogno di alzare un trofeo importante con i citizens senza pensare a quello che sarà il suo domani dopo il tramonto del suo contratto con la sua squadra attuale.

I numeri di Aguero

Nelle 9 stagioni giocate a Manchester, Sergio Aguero ha tenuto una media realizzativa molto buona. Lo score totale racconta di 180 reti in 261 partite in Premier, 1 gol ogni 68′, contribuendo alla vittoria di 4 Premier League. Nelle competizioni internazionali, Champions e Europa League, le reti sono 41 in 62 partite totalizzate, 1 gol ogni 66′.  In entrambe le competizioni Sergio Aguero ha, quindi, la media di un gol a partita. Numeri invidiabili per molti altri giocatori europei. Il City rifletterà a lungo sul suo futuro. Lui non si sbilancia.

  •   
  •  
  •  
  •