Genoa Udinese, Juric: “Il nostro futuro dipenderà da Ocampos e Ninkovic”

Pubblicato il autore: Gabriele Lepri Segui

juric genoa

Crea il Genoa ma non riesce a trovare la giocata vincente in attacco. Finisce 1 a 1 al Ferraris con un pizzico di rammarico in casa rossoblù. A fine partita Juric ha analizzato la partita:

“Sono molto contento della prestazione, sono sereno, abbiamo creato giuste occasioni per vincere la gara, il loro portiere poi è stato bravo nel finale. Ho visto la squadra come volevo io, rammarico il risultato ma la prestazione è stata positiva. A tratti la squadra mi è piaciuta, avuto occasioni nel finale, anche nel 1 tempo la squadra mi è piaciuta, forse abbiamo avuto paura nella ripresa per le loro ripartenze, ma abbiamo creato occasioni”

Buona è stata la prestazione sia di Ocampos che di Orban. In rete l’argentino, gara senza sbavatura per l’ex Valencia:

Leggi anche:  Dove vedere Juventus-Bologna: streaming e diretta TV. Sky o DAZN?

“Orban molto bene, lavora tanto e ci lavoriamo molto su di lui, anche su uscire sulla palla. Il nostro futuro dipende da Ocampos e Ninkovic.  Se loro avranno una crescita importante anche la squadra crescerà”

Riguardo alla mancata convocazione di Izzo in nazionale Juric ha così risposto:

“Izzo in nazionale? È dall’inizio che fa bene, è molto serio, allegro e positivo, è sotto gli occhi di tutti che fa bene, ma Ventura sarà bravo a scegliere”

Tempi di bilanci in casa Genoa dopo i primi quasi tre mesi di campionato:

“Il bilancio è molto positivo, sia per ambiente che di tante cose, è un dispiacere perché potevamo avere punti in più, la squadra ha una fisionomia. Il prossimo mese decisivo nel recuperare la gara e ci sarà anche la Coppa a cui ci tengo”

Riguardo alle condizioni di Laxalt e Rincon, apparsi forse un po’ sottotono, Juric si è così espresso:

Leggi anche:  Probabili formazioni Milan-Atalanta: ecco le scelte di Pioli e Gasperini

“Affaticamenti LAxalt e Rincon? Vengono da buone prestazioni, c’è anche Fiamozzi e mi spiace non farlo giocare, vedremo. Abbiamo due settimane di lavoro. Il Genoa crea molto possesso palla, normale trovare a volte spazi ridotti. A volte la squadra reagisce subito a palla persa, occasioni da gol create, a me questo soddisfa, a volte segni e a volte no”

  •   
  •  
  •  
  •