Moviola Crotone-Napoli : c’erano due rigori in favore dei calabresi ? Netto il fallo di mano di Mertens

Pubblicato il autore: Emmanuele Sorrentino Segui

moviola Crotone-Napoli

Moviola Crotone-Napoli: i partenopei si sono imposti all’Ezio Scida sui calabresi con il risultato di 0-1, maturato in virtù della rete siglata al 17′ del primo tempo da Marek Hamsik.
Grazie a questo successo, la squadra di Maurizio Sarri si aggiudica il titolo di campione d’inverno m, chiudendo il girone di andata da leader incontrastata della classifica.
Nel corso del match non sono mancate le azioni al limite della regolarità: a dirigere l’incontro c’era il signor Maurizio Mariani della sezione di Aprilia, il quale ha avuto il suo bel da fare, specie in almeno due circostanze poco chiare, che hanno scatenato le proteste da parte dei padroni di casa.

Moviola Crotone-Napoli: gli episodi dubbi sotto la lente di ingrandimento

Come già anticipato, all’arbitro Mariani non è mancato il lavoro: la nostra analisi sugli episodi chiave del match ha inizio in particolare nella seconda frazione di gioco. Nella fattispecie, al minuto 51 il Napoli rischia grosso: Albiol, già gravato da un’ammonizione, ingenuamente rifila una manata sulla schiena di Budimir. L’arbitro Mariani non ritiene ci siano gli estremi per estrarre il secondo giallo, graziando nella circostanza il difensore spagnolo del Napoli.
Altro episodio dubbio si verifica al minuto 60: Mertens, sugli sviluppi di un corner assegnato al Crotone, forse tratto in inganno dal movimento dell’avversario, addomestica il pallone probabilmente con un braccio. Nella circostanza Mariani sorvola, tra le proteste dei padroni di casa. Come si nota nell’immagine che segue, pubblicata dal Corriere dello Sport sul proprio sito web, il tocco maldestro del belga sembra più di braccio che di petto.

Anche il Napoli recrimina un penalty: al minuto 67, dagli sviluppi di un calcio di punizione dal limite di Mertens, Ceccherini strattona quanto basta Koulibaly, che si lascia cadere a terra. Episodio da rivedere, difficile assegnare il calcio di rigore all’istante.
L’azione che ha scatenato l’ira dei calabresi si verifica al minuto 94: Ceccherini nel disperato tentativo di agguantare il pareggio si invola verso l’area di rigore partenopea. Sulla strada incrocia Maggio, il quale interviene in maniera scomposta. Il crotonese, sebbene fosse in vantaggio, sul contatto cade. Mariani e la Var non rilevano l’episodio, lasciando proseguire l’azione.
Come si nota nell’immagine che segue, il contatto c’è e non sarebbe stata un’assurdità se fosse stato concesso il penalty.

  •   
  •  
  •  
  •