Comunicato Curva Nord Atalanta: “Non siamo razzisti”

Pubblicato il autore: Francesco Moscato Segui

Come sappiamo, il Giudice Sportivo, ieri ha dato la sua sentenza dopo i fatti di Bergamo, durante Atalanta-Napoli, per i cori di razzismo contro i napoletani, ma in special modo contro Koulibaly, il difensore franco senegalese degli azzurri, che dopo il gol di Mertens, fu anche bersaglio di lancio di bottigliette con urina all’interno. L’Atalanta giocherà come sappiamo la prossima gara interna con la squalifica della curva Nord Pisani. Ma la sentenza non ha soddisfatto quasi nessuno, infatti, non c’è nessuna multa, nessun riferimento della bottiglietta sul referto. Oggi, il gruppo ultras bergamasco attraverso un comunicato, si dissocia completamente da ciò che è avvenuto, sostenendo che loro si basano solo su “campanilismo” “noi polentoni voi terroni!”, “definire la tifoseria dell’Atalanta razzista verso le migliaia di tifosi, ultras, simpatizzanti che MAI negli anni hanno dimostrato discriminazione verso il colore della pelle”. Si sottolinea come i “fischi, sono soltanto un riferimento dal punto di vista sportivo, per ciò che rappresentavano, non per il colore della pelle”. Fatto sta, che un gruppo di tifosi dell’Atalanta, durante la gara di Coppa Italia, a Napoli, mostrò uno striscione con la figura di Cesare Lombroso, scienziato, con idee anti meridionaliste. Ma non ne facciamo tutta un’erba un fascio. Nessuno ha sempre le stesse idee. Il calcio, ed il tifo in particolare, è soprattutto rivalità.

Leggi anche:  Serie A, dove vedere Hellas Verona Roma in diretta tv e streaming: Sky o DAZN?
  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: