Di Francesco-Spalletti: amici che non sanno far vincere più Roma e Inter

Pubblicato il autore: Antonio Guarini Segui
di francesco

Di Francesco, è crisi Roma

Di Francesco-Spalletti, destino comune. Sono amici, da tanto tempo. Si sono incrociati alla Roma e da lì in poi sono rimasti sempre in ottimi rapporti. Oggi hanno un problema, non vincono più. Eusebio Di Francesco e Luciano Spalletti stanno vivendo un inizio 2018 davvero complicato. Un mese e mezzo fa erano coccolati da stampa e tifosi. La Roma festeggiava la vittoria nel girone di Champions League, mentre l’Inter era imbattuta e in lotta per lo scudetto. Oggi sono nell’occhio del ciclone della critica. I giallorossi non vincono dal 16 dicembre, 1-0 al  Cagliari. I nerazzurri non ottengono i tre punti dal 3 dicembre scorso, 5-0 al Chievo. In mezzo entrambi sono stati eliminati dalla Coppa Italia. Le due squadre si sono anche affrontate, terminando il match sull’1-1 il 21 gennaio. Di Francesco sta forse peggio del collega-amico Spalletti.

Il tecnico giallorosso è rimasto molto infastidito dalle situazione del mercato. A due giorni dalla fine della sessione invernale non si ancora se Dzeko continuerà ad essere un giocatore giallorosso. Il centravanti bosniaco ha segnato due gol nel 2018, su un totale di tre di tutta la Roma. De Rossi e compagni hanno perso compattezza in difesa. Come se non bastasse ci si è messo di mezzo l’ennesimo infortunio di Schick. Il ceco dovrà star fermo per almeno due settimane. In più nel post-partita con la Sampdoria è esplosa la contestazione dei tifosi. Ora c’è una settimana molto delicata per Di Francesco. Il mercato finirà, finalmente, poi si dovrà preparare la non facile trasferta di Verona contro l’Hellas di Pecchia. Si fa fatica a pensare che questa squadra una quarantina di giorni fa spezzava le reni al Chelsea. Quello stesso Chelsea che potrebbe portar via Dzeko a Di Francesco. Pazzesco.

Di Francesco-Spalletti, una sola medicina: tornare a vincere

Di Francesco-Spalletti, la vittoria unica medicina. Non vincono da tanto tempo, devono tornare a farlo in fretta. Domenica prossima sono in programma Verona-Roma e Inter-Crotone. Due sfide da vincere, a qualsiasi costo. La Lazio è stata fermata dal Milan, quindi gli stop con Sampdoria e Spal sono stati assorbiti con meno amarezza. Tre squadre per due posti Champions, sempre che i rossoneri non riescano ancora ad accorciare una distanza che resta ancora notevole. Di Francesco non ha avuto nulla dal mercato, anzi prega che arrivino in fretta le 23 del 31 gennaio per poter legare Dzeko a Trigoria.

Spalletti ha avuto Rafinha e Lisandro Lopez, ma chiedeva anche un centrocampista centrale. Roma e Inter pensavano di giocarsi lo scudetto, ora devono lottare per un posto in Champions League. Le due squadre hanno avuto un rendimento, brutto, molto simile ultimamente. Gennaio è un mese molto delicato. La sosta non ha fatto bene alle due squadre, anzi. Ora però è giunto il momento di ripartire. Sopratutto per la Roma che tra due settimana avrà anche l’impegno europeo contro lo Shakhtar Donetsk. Gli ucraini in questa stagione hanno già fatto piangere il Napoli e vanno affrontati con tutto il dovuto rispetto. Tra tre giorni sapremo se Dzeko sarà ancora l’alfiere della Roma, anche in Europa. Di Francesco-Spalletti, dura come non mai la vita in panchina.

  •   
  •  
  •  
  •