Douglas Costa punzecchia il Napoli. “Giocano bene? Noi preferiamo vincere”

Pubblicato il autore: Gabriele Tufano Segui

Juventus-Dougla Costa
Il terzino della Juventus, Douglas Costa, si è lasciato ad una lunga intervista al Corriere dello Sport, durante la quale tanti sono stati i temi affrontati dal giocatore. Il brasiliano, acquistato quest’estate dal Bayern Monaco con la formula del prestito oneroso di 6 milioni con diritto di riscatto fissato a 40, dopo un inizio di campionato sotto tono per via del passaggio in un campionato, la Serie A, senza dubbio tatticamente più complicato della Bundesliga, ha iniziato a mettersi in mostra con una serie di prestazioni importanti, tra le quali spicca l’ultima contro il Genoa dove è stato decisivo con un gol siglato nel primo tempo. Lo stesso Douglas Costa è cosciente dei suoi miglioramenti quando dice: “Sto crescendo e sono convinto che posso fare ancora molto. Sono arrivato qui per fare la differenza ed essere decisivo. Voglio riuscirci. Per me come per altri è stato importante stare in panchina: da lì ho imparato quello che dovevo fare, ma la stessa cosa in passato è successa ad Alex Sandro, Pjanic e Dybala. Adesso che ho appreso il calcio di Allegri è tutto più semplice”.

Poi, proprio sull’ultimo match di campionato vinto dalla Juventus grazie ad un suo gol, Douglas Costa ha dichiarato: “Sapevamo che sarebbe stata una partita molto complicata perché era la prima dopo le vacanze. Ci siamo allenati molto e logicamente non potevamo essere al top. La cosa più importante era conquistare i tre punti e ci siamo riusciti. Adesso torneremo la Juventus capace di incantare tutti. Il mio gol? Segnare è bello, ma quando segni un gol decisivo lo è ancora di più. Soddisfazioni come quella di lunedì aiutano a essere ancora più concentrati e determinati”.

Facendo un paragone tra il Brasileirao e la Serie A, Douglas Costa si è detto sicuro del fatto che il nostro campionato sia più competitivo: “Il campionato italiano è molto competitivo e tante squadre partono per vincere il titolo. In Brasile diciamo che è interessante ‘darsi la caccia’ in testa alla classifica perché il tornero diventa più spettacolare e crescono gli spettatori negli stadi”. Inevitabile poi un passaggio sul Napoli, sul quale già al termine del match vinto lunedì contro il Genoa aveva detto: “Mettere pressione al Napoli? Noi dobbiamo pensare solo a noi stessi e andare avanti senza guardare gli altri”.

In questo caso, Douglas Costa non ha risparmiato una stoccata ai partenopei quando ha affermato: “Il Napoli esprime un bel calcio, ma il miglior calcio non è una garanzia di successo. Alla fine conta vincere. A me piace il bel calcio, ma preferisco vincere”. Insomma il brasiliano sembra essere pienamente in armonia con la filosofia di Allegri che nel post-partita di lunedì ha risposto così ai microfoni di Sky a chi gli faceva presente che la sua squadra non esprime un gioco spumeggiante al contrario del Napoli: “Ascolto numeri, schemi e commenti. A me però interessa solo segnare e portare a casa i tre punti. Quando dicono che la Juventus gioca male, sono addirittura felice”.

Infine, Douglas Costa è certo del fatto che il punto forte della Juve sia il reparto difensivo: “Il nostro segreto la difesa? Credo di sì. Se non subiamo reti, davanti abbiamo giocatori importanti e in grado di segnare tanto. Una squadra si costruisce partendo dalla difesa e poi si va avanti. Se fai le cose bene dietro, la base è solida e spesso ti togli delle belle soddisfazioni. Rispetto alla Bundesliga, qui in Italia c’è più attesa, più tattica ed è necessario più sacrificio, ma una cosa è la stessa: se non subisci gol, la tua fiducia aumenta ed è tutto più facile”.

  •   
  •  
  •  
  •  
Leggi anche:  Infortunati Serie A: gli indisponibili della 4 giornata