Giudice sportivo, Cacciatore squalificato 2 turni per il gesto delle manette in Chievo-Juve

Pubblicato il autore: Yuri Lo Stuto Segui


Mano pesante del giudice sportivo nei confronti di due giocatori espulsi nello scorso weekend a causa di comportamenti scorretti che hanno fatto discutere. Si tratta portiere del Benevento Vid Belec e del difensore clivense Fabrizio Cacciatore. Al primo è stata comminata una squalifica di tre turni per “aver al minuto numero 34 del primo tempo, colpito col pallone tra le braccia un avversario alla gamba con un calcio che cercava di ostacolargli il rinvio rapido dello stesso.” Infatti la follia di Belec è del tutto inspiegabile, dato che nel match Torino-Benevento ha commesso un’ingenuità clamorosa, lasciando la sua squadra in 10 per gran parte della partita, in un momento oltretutto favorevole ai campani.

Il difensore del Chievo, Fabrizio Cacciatore, è stato espulso per aver, esibito il gesto delle manette: “il gesto gli è costato 2 giornate di squalifica, per aver al 17° del secondo tempo contestato platealmente una decisione arbitrale. Il gesto delle manette è stato esibito due volte verso la tribuna ed è stato rilevato sul momento da un assistente.”
Ingenuità anche in questo caso del tutto futile, dato che il Chievo contro la Juventus era già in 10 uomini a causa dell’espulsione di Bastien, altrettanto banale, e secondo il regolamento gesti come quello esibito da Cacciatore, vanno puniti con il cartellino rosso.

  •   
  •  
  •  
  •