Inter, Materazzi: “Per la Champions le avversarie sono Roma e Lazio”

Pubblicato il autore: Yuri Lo Stuto Segui


Marco Materazzi
è sicuramente uno dei giocatori interisti che maggiormente ha scaldato i cuori dei tifosi nerazzurri. Nella giornata odierna, “Tuttosport” riporta le parole rilasciate dal roccioso difensore ex Inter riguardo il momento non certo facile che si sta vivendo dalle parti di Appiano Gentile: “Dati i risultati delle altre squadre possiamo farcela a tornare in Champions. E’ un momento difficile ma il campionato è ancora lungo. L’Inter deve battagliare soprattutto con Lazio e Roma: i biancocelesti stanno facendo un campionato sorprendente, anche se me l’aspettavo data la verve di Inzaghi, un uomo che vive di calcio, mentre della Roma non mi aspettavo gli ultimi 3-4 risultati negativi, dato l’inizio brillante e soprattutto dopo averli visti giocare in Champions League contro il Chelsea. Secondo me i giallorossi sono coloro che rischiano maggiormente in questo momento. Spalletti? E’ uno dei migliori allenatori, dato che conosce alla perfezione il campionato di Serie A, come Allegri e Sarri, il quale sta conseguendo un grandissimo torneo. Skriniar? Mi ricorda Samuel, ha ampi margini di miglioramento ma è sicuramente fra i primi 3-4 difensori migliori della Serie A.

Inoltre Materazzi si sofferma anche sulla lotta Scudetto e sul VAR, questione che sta alimentando le polemiche in queste ultime ore: “Il Napoli è la squadra che mi diverte di più. Gioca benissimo e questo è il mezzo che consente loro di vincere, mentre la Juventus ha il vantaggio di disporre di una rosa lunga ed ha la consapevolezza che in qualche modo le partite che gioca le vince. Inutile ripeterlo, ma io lo sostengo da parecchio tempo: la Juve è avanti 10 anni rispetto alle altre. E’ stata brava l’Inter a rimanere vicina a queste due squadre, ma alla lunga le qualità vengono fuori. VAR? Qualche errore di troppo ma fa parte dell’uso della tecnologia. Ora ci si dirige verso la parte calda del campionato e le polemiche sul VAR servono a distogliere l’attenzione.”

  •   
  •  
  •  
  •